abbagliare

v. tr. [io abbàglio ecc.]

1.  offendere la vista con luce troppo viva (anche assol.): una luce che abbaglia

2.  (fig.) affascinare, incantare; ingannare, illudere: abbagliare con false promesse | abbagliarsi v. rifl.

3.  perdere momentaneamente la vista

4.  (fig.) ingannarsi, cadere in errore, prendere un abbaglio.

frugnolo

s.m. (tosc.) lanterna con luce direzionale usata per abbagliare di notte uccelli o pesci in modo da catturarli più facilmente. 

leggi

gibigiana

o gibigianna , s.f. (lomb.) (1) gioco di luce riflessa su uno specchio o su un vetro; luminello (2) (fig. scherz.) donna che fa sfoggio di eleganza, che vuole abbagliare con la sua eleganza. 

leggi

abbarbagliare

v. tr. [io abbarbàglio ecc.] (non com.) (1) abbagliare intensamente o all'improvviso (2) (fig.) confondere, frastornare: abbarbagliare la mente | abbarbagliarsi v. rifl. (non com.) (3) rimanere abbagliato (4) (fig.) confondersi, smarrirsi. 

leggi

abbagliante

part. pres. di abbagliare agg. che abbaglia, sfolgorante (anche fig.): lampo , luce abbagliante ; un sorriso abbagliante | (proiettori, fari) abbaglianti , (aut.) quelli che consentono di illuminare la strada in profondità. 

leggi

abbagliamento

s.m. l'abbagliare, l'essere abbagliato. 

leggi

abbaglio

s.m.  (1) (rar.) abbagliamento (2) (fig.) errore, svista: prendere un abbaglio ; cadere in un abbaglio.  

leggi

abbaglio

s.m. abbagliamento continuato e intenso. 

leggi

Sitemap