abbandono

s.m.

1.  l'abbandonare definitivamente o per un lungo periodo qualcuno o qualcosa: abbandono del tetto coniugale

2.  (estens.) trascuratezza, incuria, disordine: lasciare in abbandono una proprietà , la casa ; essere in stato di abbandono

3.  stato di rilassamento fisico: stava distesa con grande abbandono | atteggiamento fiducioso, effusione: parlare , confidarsi con abbandono ' con valore negativo, cedimento, prostrazione morale: vivere in completo abbandono

4.  rinuncia a portare a termine, a realizzare: abbandono di un progetto , degli studi

5.  (dir.) il reato commesso da chi lascia ingiustificatamente qualcuno o qualcosa di cui è responsabile: abbandono di minore , d'incapace ; abbandono di pubblico ufficio ; abbandono di posto , reato previsto dal codice militare | rinuncia a esercitare un diritto: abbandono liberatorio , rinuncia alla proprietà o al possesso di un bene | situazione di abbandono , quella in cui si trovano i minori privi di assistenza materiale e morale

6.  (sport) nel pugilato e nella lotta, la rinuncia a continuare l'incontro; in generale, il ritirarsi, il non presentarsi a una competizione: vincere per abbandono dell'avversario.

deruralizzazione

s.f. abbandono delle campagne per effetto dell'urbanizzazione. 

leggi

diserzione

s.f.  (1) il disertare; abbandono di un reparto militare (2) (fig.) abbandono di una causa, di un partito e sim. 

leggi

sopore

s.m. stato di abbandono fisico simile al sonno, ma in cui si verifica perdita solo parziale della coscienza. 

leggi

apostasia

s.f.  (1) ripudio pubblico e solenne della propria religione (2) (estens.) ripudio delle proprie opinioni, abbandono del proprio partito e sim. 

leggi

abbandonare

v. tr. [io abbandóno ecc.] (1) lasciare definitivamente o per un lungo tempo (anche fig.): abbandonare il proprio paese ; la speranza non mi ha mai abbandonato | riferito a un oggetto materiale, lasciarlo in un luogo, disfarsene: abbandonare la refurtiva  (2) lasciare senza aiuto, sostegno, assistenza e sim.: abbandonare qualcuno a sé stesso ; non mi abbandonare! | lasciare nell'incuria, trascurare: è un peccato abbandonare un giardino così bello  (3) smettere di tenere, di...

leggi

abbandonamento

s.m. (lett.) abbandono: s'accasciò in un completo abbandonamento di membra (pirandello). 

leggi

abbandonato

part. pass. di abbandonare agg.  (1) lasciato definitivamente; senza aiuto, senza guida (anche fig.): infanzia abbandonata  (2) non frequentato, deserto; quindi, incolto: luogo , terreno abbandonato | (poet.) solo: abbandonata, oscura / resta la vita (leopardi il tramonto della luna 27-28) (3) rilasciato, disteso: stare con le braccia abbandonate | (poet.) languido: un'elegia latina, malinconica ed abbandonata (d'annunzio) s.m. [f. -a] (region.) orfano o trovatello affidato...

leggi

abbandonico

agg. [pl. m. -ci] (psicol.) dovuto ad abbandonismo; che denota avvilimento: crisi abbandonica ; atteggiamento abbandonico.  

leggi

abbandonismo

s.m. (psicol.) tendenza a perdersi d'animo, ad abbandonarsi moralmente. 

leggi

Sitemap