abbondare

lett. abondare, v. intr. [io abbóndo ecc. ; aus. essere se ciò che abbonda è espresso come sogg., avere se è espresso come compl.]

1.  essere abbondante, in grande quantità, copioso: i soldi non sono mai abbondati in casa nostra ; questa regione ha sempre abbondato d'acqua

2.  eccedere, essere prodigo: abbondare di cautele , in complimenti.

abondare

e deriv. vedi abbondare e deriv.  

leggi

descrittivismo

s.m. in letteratura e nelle arti figurative, tendenza ad abbondare nei particolari descrittivi: il descrittivismo settecentesco.  

leggi

abbondante

lett. abondante, part. pres. di abbondare agg.  (1) che è in grande quantità che supera la giusta misura: porzione abbondante ; un chilo abbondante  (2) che ha gran quantità di qualcosa: un libro abbondante di citazioni § abbondantemente avv.  

leggi

abbondanza

lett. abondanza, s.f.  (1) grande quantità: abbondanza di mezzi ; mangiare in abbondanza | nuotare , affogare nell'abbondanza , avere grande disponibilità di denaro o di altri beni | abbondanza isotopica , (fis.) rapporto percentuale tra il numero di atomi di una specie isotopica e il numero totale di atomi dello stesso elemento presenti in un campione (2) (st.) annona. 

leggi

abbondevole

o abondevole, agg. (lett.) abbondante § abbondevolmente avv.  

leggi

Sitemap