abbozzamento

s.m. (non com.) il modo in cui si abbozza; abbozzo.

abbozzare

v. tr. [io abbòzzo ecc.] (1) fare un abbozzo; dare una prima forma approssimativa a un'opera: abbozzare un disegno , un racconto  (2) tentare di esprimere; formulare a grandi linee: abbozzare una risposta , un'idea | accennare appena: abbozzare un saluto , un sorriso.  

leggi

abbozzare

v. intr. [io abbòzzo ecc. ; aus. avere] (fam.) subire con pazienza, senza reagire, qualcosa di sgradevole o ingiusto: non gli rimase che abbozzare.  

leggi

abbozzare

v. tr. [io abbòzzo ecc.] (mar. , aer.) trattenere con una legatura provvisoria un cavo o una catena. 

leggi

abbozzata

s.f. abbozzo rapido. 

leggi

abbozzatura

s.f. (rar.) abbozzamento. 

leggi

abbozzo

s.m.  (1) prima forma o stesura incompleta di un lavoro, di uno scritto, di un'opera d'arte | abbozzo di legge , stesura sommaria di una proposta di legge (2) accenno, tentativo: un abbozzo di saluto  (3) abbozzo embrionale , (biol.) formazione cellulare da cui successivamente si sviluppano e si differenziano gli organi (4) (edil.) primo intonaco, non lisciato, che si stende su un muro. 

leggi

abbozzolarsi

v. rifl. [io mi abbòzzolo ecc.] (1) rinchiudersi nel bozzolo (detto dei bachi da seta) (2) agglomerarsi (detto di farina quando si mette nell'acqua o in altri liquidi). 

leggi

Sitemap