abbracciare

(1)

v. tr. [io abbràccio ecc.]

1.  cingere e stringere con le braccia, per esprimere amore, affetto, o per trattenere qualcuno o qualcosa che vorrebbe o potrebbe sfuggire

2.  (fig.) comprendere, contenere: il mare abbraccia molte terre ; abbracciare con lo sguardo ; abbracciare tutti gli aspetti di una questione

3.  (fig.) seguire, accettare; dedicarsi a qualcosa: abbracciare una fede , una professione , una causa | abbracciarsi v. rifl. stringersi con le braccia a qualcosa, a qualcuno: s'abbracciò al padre | v. rifl. cingersi l'un l'altro con le braccia: si abbracciarono affettuosamente.

abbracciare (2)

s.m. (ant. , lett.) abbraccio (usato spec. al pl.): le tenere lagrime, gli abbracciari e gli onesti baci (boccaccio dec. ii, 5).

riabbracciare

non com. rabbracciare, v. tr. [io riabbràccio ecc.] (1) abbracciare di nuovo (2) (estens.) rivedere, spec. dopo una lunga assenza: spero di riabbracciarvi presto | riabbracciarsi v. rifl.  (3) abbracciarsi di nuovo (4) (estens.) rivedersi, riunirsi, spec. dopo lungo tempo: dopo tanti anni poterono finalmente riabbracciarsi.  

leggi

abbracciabosco

s.m. [pl. abbracciaboschi] (bot.) caprifoglio. 

leggi

abbracciamento

s.m.  (1) spec. pl. l'abbracciarsi ripetutamente (2) (ant. , lett.) amplesso amoroso: come biada orgogliosa in campo estivo / cresce di santi abbracciamenti il frutto (parini). 

leggi

abbracciata

s.f. (ant.) abbraccio. 

leggi

abbraccio

s.m. l'abbracciare o l'abbracciarsi: scambiarsi un abbraccio ; stringere in un abbraccio | un abbraccio , formula di chiusura o di saluto, nella corrispondenza | abbraccio mortale , (fig.) l'essere unito a qualcuno o qualcosa che produce un danno irreparabile, che distrugge. 

leggi

Sitemap