cagna

s.f.

1.  la femmina del cane. dim. cagnetta

2.  (fig.) donna che esibisce in modo sguaiato la propria disponibilità sessuale | donna di carattere iracondo o violento

3.  (fig.) attrice o cantante di nessun valore.

cagnaccio

s.m.  (1) pegg. di cane | cagnazzo (2) varietà di squalo molto vorace (ord. squaliformi). 

leggi

cagnara

s.f.  (1) (non com.) l'abbaiare confuso di molti cani (2) (fig. fam.) confusione rumorosa di gente che si diverte oppure sta litigando | far cagnara , far chiasso, baldoria. 

leggi

cagnazzo

s.m. (ant.) cane brutto e feroce; cagnaccio agg.  (1) (lett.) deforme, brutto, da cane: faccia cagnazza (carducci) (2) (ant.) livido, paonazzo: poscia vid'io mille visi cagnazzi / fatti per freddo (dante inf. xxxii, 70-71). 

leggi

cagnesco

agg. [pl. m. -schi] di, da cane: viso cagnesco ; sguardo cagnesco , bieco | stare , essere in cagnesco , sdegnato, adirato | guardare in cagnesco , guardare di traverso, con occhio torvo § cagnescamente avv. in cagnesco, in modo ostile: guardare cagnescamente.  

leggi

cagnetto

s.m.  (1) dim. di cane  (2) piccolo pesce d'acqua dolce simile alla bavosa (ord. perciformi). 

leggi

cagnina

s.f.  (1) vino rosso, di sapore asprigno, frizzante, che si produce nelle zone di cesena e di ravenna (2) nelle marche, denominazione del vitigno canaiolo.  

leggi

cagnolo

agg.  (1) (region.) varietà di squalo (ord. squaliformi) (2) (vet.) si dice del cavallo che ha i piedi rotati all'indietro. 

leggi

cagnoni

s.m. pl. solo nella loc. riso in cagnoni , riso lessato in modo che i chicchi riescano gonfi e ben staccati; si serve con burro fuso e parmigiano. 

leggi

cagnotto

s.m.  (1) persona prezzolata che un tempo i potenti tenevano al loro servizio come strumento di prepotenza e di soperchierie | (estens. non com.) sicario, scagnozzo (2) (region.) larva della mosca carnaria, impiegata come esca dai pescatori. 

leggi

Sitemap