caia

s.f. farfalla comune dal tozzo corpo rossastro, con le ali anteriori bianche a chiazze marroni e le posteriori giallo-rossastre a macchie nere (ord. lepidotteri).

caiaco

o caiacco o caiac [ca-iàc], s.m. [pl. -chi] forma italianizzata di kayak.  

leggi

caiba

vedi gabbia

leggi

caicco

o caicchio , s.m. [pl. -chi] (mar.) (1) battello leggero e sottile, usato nel levante per il trasporto di persone; anche, la lancia che si teneva a bordo delle galee per il trasporto e il salvataggio dei passeggeri (2) imbarcazione veloce dei pirati del mediterraneo. 

leggi

caid

s.m. invar. ufficiale, funzionario dei paesi arabi. 

leggi

caimano

s.m. grosso rettile acquatico che vive nei fiumi dell'america centr. e merid., simile al coccodrillo (ord. coccodrilli). 

leggi

caino

s.m. persona perfida, malvagia, pronta a tradire chiunque. 

leggi

caio

s.m. una persona qualsiasi che non si sa o non si vuol nominare (è usato solo in unione con tizio , o con tizio e sempronio): tizio , caio e sempronio , per dire tre persone qualsiasi. 

leggi

cairn

s.m. invar.  (1) in alcune culture neolitiche ed eneolitiche, monumento sepolcrale costituito da un cumulo di pietre a forma di piramide o di cupola (2) in età moderna, piramide di pietre eretta da esploratori, viaggiatori ecc. per commemorare un evento o come segnale del loro passaggio o punto di riferimento | (estens.) cippo di confine. 

leggi

cairota

agg. [pl. m. -ti] del cairo s.m. e f. nativo, abitante del cairo. 

leggi

Sitemap