da

prep. [si unisce agli art. determ. il , lo , la , i , gli , le formando le prep. articolate dal , dallo , dalla , dai , dagli , dalle ; si elide solo nelle loc. d'altro lato , d'altronde , d'ora in poi e sim.]

1.  introduce un moto da luogo (anche in senso fig.): il treno è partito da roma ; trasferirsi dall'america in europa ; è uscito dal negozio ; promosso dalla seconda alla terza classe ; contare da uno a dieci ; dalla «a» alla «z»

2.  esprime allontanamento: staccare il mobile dalla parete ; al prossimo casello usciremo dall'autostrada | separazione, distacco: le montagne ci dividono dal mare ; vivevano lontani uno dall'altro ; liberarsi da un affanno | origine o provenienza: santa caterina da siena ; il po nasce dal monviso ; discende da una famiglia illustre ; il marmo si estrae dalle cave ; apprendemmo la notizia dai giornali | distanza: da qui a milano sono solo 20 km ; il ciclista cadde a cinquanta metri dal traguardo | in dipendenza da taluni verbi, in correlazione con a , indica quantità approssimativa: peserà dai quaranta ai cinquanta chili ; avrà da trenta a trentacinque anni ' dopo verbi che indicano 'difesa, protezione': guardarsi dai nemici ; proteggersi dal freddo

3.  con il verbo al passivo introduce l'agente o la causa efficiente: il suo gesto è stato apprezzato da tutti ; l'antica pompei fu distrutta dal vesuvio ; la porta fu sbattuta dal vento | con valore di semplice causa: tremare dal freddo ; morire dallo spavento ; era pallido dalla paura ; lesione da congelamento

4.  con significato temporale, indica il momento o l'epoca, l'età in cui ha avuto inizio un'azione o una situazione si è determinata: viviamo qui da diversi anni ; è da natale che non ho più sue notizie ; l'aspetto da un'ora ; sono passati molti mesi da quando è partito

5.  unita a nomi propri di persona, a pronomi che si riferiscono a persona, a nomi che indicano mestiere, professione, condizione, grado, relazione di parentela, di amicizia, di lavoro e sim., introduce uno stato in luogo, per lo più con il valore di 'presso': fermarsi a dormire da qualcuno ; incontrarsi dal notaio ; restare a cena da un collega | in nomi di ristoranti, bar o altri esercizi commerciali: trattoria dal bersagliere ; da mario, parrucchiere per signora

6.  seguita dagli stessi elementi lessicali indicati al punto precedente e in dipendenza da verbi di movimento, esprime moto a luogo: vado dal medico ; arriverò da mio figlio in serata ; salirò un attimo da lei

7.  in dipendenza da verbi che esprimono transito, passaggio, stabilisce un moto per luogo, talvolta sottintendendo un attraversamento con sosta: passare dalla finestra , dal cortile ; al ritorno passeremo da torino ; se resti in casa, passerò da te nel pomeriggio

8.  con valore variamente modale: agire da gentiluomo ; vivere da principe ; comportarsi da amico ; questi gesti non sono da te ; una faccia da schiaffi ; vita da cani | apparentemente modale, in realtà in funzione rafforzativa: faccio da solo ; prenditelo da te ; chi fa da sé fa per tre | con sfumatura di limitazione: cieco da un occhio ; zoppo da un piede

9.  esprime una qualità, una caratteristica: una ragazza dai capelli biondi ; un uomo dalla mente acuta ; un cane dal pelo lucido ; un palazzo dalla facciata neoclassica | una stima, un prezzo, una misura: un giocattolo da pochi soldi ; un francobollo da mille lire ; una lampadina da cento candele

10.  con valore di mezzo: fu riconosciuto dalla voce ; dal colore si capisce che è marcio 11 introduce la destinazione, il fine, lo scopo a cui qualcosa o anche un animale è adibito: rete da pesca ; cavallo da corsa ; sala da pranzo ; occhiali da sole | in talune locuzioni, apparentemente di questo stesso tipo, prevale la funzione attributiva: carta da bollo ; festa da ballo ; messa da requiem 12 in funzione predicativa: li trattammo da amici | appositiva: manzoni da giovane visse a parigi 13 seguita da un verbo all'infinito ha valore consecutivo o finale: era tanto stanco da non capire più nulla ; faceva un freddo da battere i denti ; dammi un libro da leggere ; hanno portato al frantoio le olive da macinare ; c'è nulla da bere? | è oggi accettato l'uso di da seguito da infinito in locuzioni nelle quali in realtà il termine da cui la preposizione dipende non è l'oggetto dell'azione espressa dal verbo: macchina da scrivere , da cucire , in luogo del più corretto per scrivere , per cucire | seguita da infinito presente, con valore di 'dovere, necessità': una cosa da fare ; un rischio da correre | in frasi negative o indefinite, con funzione non dissimile dal caso precedente: non c'è nulla da dire ; c'è molto da fare 14 concorre alla formazione di varie loc. avverbiali: da lontano ; da vicino ; da presso ; da parte ; da lungi ; da lato | loc. prepositive: fuori da ; fino da ; di qua , di là da.

da'

(1) 1 forma tronca dell'inter. dài  (2) forma lett. o tosc. della prep. art. dai.  

leggi

dabbasso

o da basso, avv. di sotto, in basso, giù: va' dabbasso e apri la porta.  

leggi

dabbenaggine

s.f. l'essere sempliciotto, credulone, ingenuo: dimostrare un'incredibile dabbenaggine | azione, comportamento, discorso da ingenuo, da sciocco. 

leggi

dabbene

agg. invar. perbene, educato; buono, onesto: un uomo dabbene s.m. (ant.) bontà, probità. 

leggi

daccanto

ant. da canto, avv. (non com.) vicino, presso. 

leggi

daccapo

o da capo, avv. di nuovo, dal principio: ricominciare daccapo | punto e daccapo , per indicare che chi scrive deve andare a capo; (fig.) per indicare la propria intenzione di ricominciare da zero in una situazione | da capo a piedi , (fig.) dal principio alla fine. 

leggi

dacché

meno com. da che, cong.  (1) da quando (con valore temporale): dacché sono partiti, non hanno più scritto  (2) (lett.) poiché, giacché, dal momento che (con valore causale): farò così, dacché tu lo vuoi.  

leggi

dacia

s.f. [pl. -cie o -ce] villetta rustica russa. 

leggi

dacite

s.f. (min.) roccia eruttiva vulcanica costituita essenzialmente da plagioclasio e grossi cristalli di quarzo. 

leggi

dacnomania

s.f. (med.) impulso irresistibile a mordere, presente in alcune psicosi. 

leggi

Sitemap