damo

s.m. (tosc.) fidanzato.

dama

s.f.  (1) nel medioevo, gentildonna titolare di un feudo o moglie di un feudatario oppure di un cavaliere; poi, qualsiasi donna di nobile condizione | oggi, donna dal portamento signorile e dai modi raffinati: si comporta sempre come una vera dama ; darsi arie da gran dama , affettare superiorità | dama di corte , gentildonna che svolge a titolo d'onore uffici particolari presso la regina | dama di compagnia , donna che, dietro compenso, tiene compagnia a persone anziane | dama (di carità)...

leggi

dama

vedi damma

leggi

damalisco

s.m. [pl. -schi] genere di antilopi africane di media statura, con caratteristiche corna divaricate (ord. artiodattili). 

leggi

damare

v. tr. nel gioco della dama, raddoppiare una pedina che è giunta al fondo della scacchiera. 

leggi

damascare

v. tr. [io damasco , tu damaschi ecc.] tessere a damasco. 

leggi

damascato

part. pass. di damascare agg. e s.m. si dice di drappo o tela lavorati come il damasco. 

leggi

damascatura

s.f. il damascare, l'essere damascato. 

leggi

damasceno

agg. (lett.) della città di damasco | rose damascene , varietà di rose bianche odorosissime | susino damasceno , varietà di susino originaria della siria | uva damascena , uva da vino coltivata in sicilia. 

leggi

damaschinare

v. tr. decorare una superficie metallica, spec. d'acciaio, con intarsi d'oro e d'argento. 

leggi

damaschinatore

s.m. [f. -trice] chi è specializzato in lavori di damaschinatura. 

leggi

Sitemap