dare

(1)

v. tr. [io do (dò), tu dai , egli dà (scritto accentato), noi diamo , voi date , essi danno (anche dànno); imperf. io davo , tu davi ecc. ; pass. rem. io dièdi o dètti , tu désti , egli diède o dètte (antiq. diè), noi démmo , voi déste , essi dièdero o dèttero ; fut. io darò , tu darai ecc. ; cong. pres. io dia ,... noi diamo , voi diate , essi dìano ; cong. imperf. io déssi , tu déssi , egli désse , noi déssimo , voi déste , essi déssero ; imp. dai o dà o da' ; ger. dando ; part. pass. dato]

1.  trasferire da sé ad altri qualcosa che si possiede, si ha, si conosce: dare un libro , un pacco ; dare un'informazione , una notizia | in molte espressioni il sign. del verbo è precisato dal compl. oggetto: dare fuoco , incendiare, accendere; dare acqua , spargerla, versarla, irrorarla; dare aria , arieggiare; dare aiuto , una mano , aiutare; dare l'esempio , impartirlo; dare coraggio , incoraggiare; dare l'assalto , assalire; dare battaglia , cominciare a combattere; dare una spinta , spingere; dare il via a qualcosa , avviarla; dare una festa , un pranzo , offrirli, organizzarli; dare gli esami , sostenerli; dare le dimissioni , dimettersi; dare comunicazione , comunicare; dare la buona notte , il benvenuto , augurarli; darsi l'aria di intenditore , atteggiarsi a tale; darsi pensiero , preoccuparsi; darsi la morte , uccidersi | in altri casi il sign. del verbo è precisato da un compl. indiretto, da un compl. predicativo o da una prop. infinitiva: dare in dono , regalare; dare in moglie , concedere la mano, far sposare; dare per certo , per sicuro , per buono , riconoscere tali; dare da pensare , preoccupare; darsi da fare , impegnarsi o brigare per raggiungere uno scopo; dare alla luce , partorire; dare a intendere qualcosa , farla credere; darsela a gambe , fuggire

2.  porgere: dammi il cappello ; dare la mano , in segno di saluto

3.  somministrare, propinare: dare una medicina | darsi la cipria , il rossetto , il trucco e sim.

4.  affidare: dare un incarico a qualcuno

5.  assegnare: dare un compito , un voto

6.  cedere: dare il passo ; dare strada , fare largo | conferire; aggiudicare: dare un premio

7.  concedere, accordare: dare un permesso

8.  attribuire, riconoscere: dare una colpa a qualcuno ; dare ragione , torto ; dare peso , importanza a qualcosa ; quanti anni gli dai?

9.  infliggere (pene, percosse): dare una bastonata , una pesante condanna | anche assol.: glie ne ha date a più non posso

10.  arrecare, provocare: dare gioia , fastidio ; quel veleno può dare la morte 11 (fam.) pagare: quanto gli hai dato per quel mobile? ; gli danno un milione al mese 12 (fam.) vendere: dare qualcosa per pochi soldi 13 rendere, fruttare; produrre: una campagna che dà pochi frutti ; un lavoro che dà molto guadagno 14 considerare, definire (in usi assol., solo al part. pass.): date le circostanze ; data l'area di un triangolo | dato che , poiché supposto, ammesso che | dato e non concesso che , ammesso per ipotesi ma non di fatto che | v. intr. [aus. avere]

11.  cogliere, colpire; urtare, imbattersi: dare in un sasso e cadere | in molte locuzioni assume significati particolari: dare alla testa , stordire; dare ai , sui nervi , irritare; dare nell'occhio , farsi notare; dare nel segno , indovinare; dare contro a qualcuno , dargli torto; dare del tu , del lei , rivolgersi a qualcuno usando la seconda, la terza persona; dare dello stupido , del cretino a qualcuno , dirgli apertamente che lo si ritiene tale

12.  prorompere: dare in un pianto dirotto

13.  di case, finestre ecc., guardare, essere rivolto: la casa dà sulla piazza

14.  di colori, tendere: questa tinta dà sul verde | darsi v. rifl.

15.  applicarsi: darsi allo studio , al commercio ' abbandonarsi: darsi al bere , al gioco , alla pazza gioia | darsi al nemico , sottometterglisi | darsi per malato , farsi credere tale

16.  cominciare: darsi a correre , a mangiare | v. rifl. scambiarsi: darsi un bacio | v. rifl.

17.  esserci, presentarsi: non si dà alcuna occasione | verificarsi, accadere: può darsi che egli sia qui ; si dà il caso che egli sia qui

18.  darsela , (fam.) battersela, svignarsela (dalla loc. darsela a gambe).

dare (2)

s.m. ciò che si deve, il dovuto | nella contabilità a partita doppia, ciò che è riportato nella sezione sinistra dei conti a sezioni divise; si contrappone ad avere (sezione destra) | nei conti accesi ai debiti e ai crediti, colonna in cui si inscrive ciò che l'intestatario deve dare: il dare e l'avere , il debito e il credito, il passivo e l'attivo.

dara

s.f. (mar.) insieme dei pezzi di riserva dell'alberatura di un veliero. 

leggi

dardeggiare

v. tr. e intr. [io dardéggio ecc. ; aus. dell'intr. avere] (lett.) colpire con dardi; scoccare dardi (spec. fig.): il sole dardeggia ; dardeggiare qualcuno con lo sguardo , lanciargli occhiate di fuoco. 

leggi

dardo

s.m.  (1) arma costituita da un'asticciola di legno con punta di ferro, che si lanciava a mano oppure con l'arco o la balestra | in usi fig. lett.: i dardi di giove , i fulmini; i dardi del sole , i suoi raggi cocenti; i dardi dell'amore , gli sguardi intensi degli innamorati, con allusione alle mitiche frecce scagliate da cupido; scagliare dardi contro qualcuno , rivolgergli frasi sarcastiche (2) (tecn.) la zona più interna e luminosa, ossidante, della fiamma prodotta da un gas in...

leggi

dark

agg. invar.  (1) che appartiene o si riferisce a un movimento giovanile sorto nella prima metà degli anni ottanta, che esprime attraverso l'abbigliamento di colore nero la propria vocazione alla tristezza, alla malinconia (2) musica dark , genere di musica pop i cui testi esprimono una visione triste, cupa della vita. 

leggi

dark lady

loc. sost. f. invar. signora che non si fa scrupolo di usare il suo fascino per indurre chi ne resta soggiogato al delitto. 

leggi

darsena

s.f. specchio d'acqua nella parte più riparata di un porto, per il ricovero delle navi in avaria | porticciolo molto riparato in cui si ormeggiano barche. 

leggi

darviniano

o darwiniano , agg. che si riferisce a darwin e alle sue teorie s.m. [f. -a] darvinista. 

leggi

darvinismo

o darwinismo , s.m. teoria biologica sostenuta dal naturalista inglese charles darwin (1809-1882), secondo cui l'evoluzione di tutti gli esseri viventi avverrebbe sulla base della selezione naturale. 

leggi

darvinista

o darwinista , s.m. e f. [pl. m. -sti] seguace delle teorie biologiche di darwin. 

leggi

Sitemap