dativo

agg. e s.m. si dice del terzo caso della declinazione delle lingue indoeuropee antiche (p. e. il greco, il latino) e di alcune fra quelle moderne (tedesco, russo); esprime il termine a cui si rivolge l'azione verbale.

data

s.f.  (1) il tempo (giorno, mese e anno, o solamente anno) in cui è accaduto o accadrà un avvenimento, oppure qualcosa è stata o sarà fatta; anche, l'indicazione scritta di tale tempo: data di nascita , di morte ; fissare la data di una riunione ; il contratto sarà firmato in data 25 luglio prossimo ; il documento non porta alcuna data ; in data odierna , oggi | a venti , trenta ecc. giorni data , (comm.) entro venti, trenta ecc. giorni (2) in senso generico, tempo, epoca:...

leggi

data

s.f.  (1) (rar.) l'atto di dare, di consegnare, di distribuire; in partic., la distribuzione delle carte ai giocatori (2) (ant.) nomina, conferimento di un beneficio ecclesiastico (3) (ant.) dazio, imposta, tributo (4) (ant.) stato, condizione. 

leggi

data base

loc. sost. m. invar. (inform.) archivio elettronico di dati registrati secondo una determinata struttura | data base relazionale , costituito di più archivi correlati fra loro attraverso parole chiave. 

leggi

data display

loc. sost. m. invar. periferica che trasferisce i dati elaborati dal computer su una sorta di video trasparente, dal quale, attraverso una lavagna luminosa, sono proiettabili su schermo. 

leggi

databile

agg. che può essere datato. 

leggi

databilità

s.f. l'essere databile: la databilità di un documento.  

leggi

datare

v. tr.  (1) apporre la data: datare la corrispondenza  (2) collocare un fatto nel tempo in cui esso è avvenuto: datare un avvenimento storico | attribuire una data: datare un documento , un ciclo di affreschi ' (estens.) rendere poco attuale: l'eccesso di retorica patriottica data irrimediabilmente quel romanzo | v. intr. [usato solo nelle forme semplici] decorrere, essere in uso: il provvedimento data da due giorni ; una pratica che data da molto ; a datare da domani.  

leggi

dataria

o dateria, s.f. l'ufficio della curia romana che conferisce benefici e dispense; il luogo in cui quest'ufficio risiede | la carica di datario. 

leggi

datario

agg. e s.m. che, chi presiede alla dataria apostolica: cardinale datario.  

leggi

datario

s.m.  (1) timbro con parti mobili recanti in rilievo il giorno, il mese e l'anno, usato per imprimere la data su lettere, documenti ecc. (2) l'indicatore della data sul quadrante dell'orologio. 

leggi

Sitemap