decadenza

s.f.

1.  il decadere; declino, scadimento: essere , andare in decadenza ; decadenza fisica , morale ; la decadenza dell'impero romano ; scrittori della decadenza , gli scrittori latini dell'età tardo-imperiale

2.  (dir.) perdita di un diritto per non averlo esercitato.

trascurataggine

s.f. l'essere trascurato; azione da persona trascurata; sbadataggine: la decadenza della casa... si rivelava in alcuni particolari quasi incredibili che parevano indicare una trascurataggine antica e ingiustificata (moravia). 

leggi

decadente

agg.  (1) che è in decadenza, in declino: istituzioni decadenti  (2) del decadentismo: gusto decadente ; d'annunzio fu uno scrittore decadente s.m. e f. esponente, seguace del decadentismo. 

leggi

decadentismo

s.m. corrente artistico-letteraria affermatasi in europa tra la fine del sec. xix e l'inizio del xx, caratterizzata dal rifiuto della cultura positivista e dalla predilezione per temi e forme raffinatamente sensuali o stravaganti, venati d'irrazionalismo. 

leggi

decadentista

s.m. e f. [pl. m. -sti] esponente, seguace del decadentismo | usato anche come agg. in luogo di decadentistico.  

leggi

decadentistico

agg. [pl. m. -ci] proprio del decadentismo, dei decadentisti. 

leggi

Sitemap