educare

v. tr. [io èduco , tu èduchi ecc. ; poet. io edùco ecc.]

1.  formare con l'insegnamento e con l'esempio il carattere e la personalità di qualcuno, spec. dei giovani, sviluppandone le facoltà intellettuali e le qualità morali secondo determinati principi: educare i figli ; educare bene , male | indicando il fine dell'opera educativa: educare al bene , alla modestia

2.  sviluppare, affinare (determinate facoltà); assuefare, avvezzare a qualcosa: educare il gusto , la fantasia ; educare l'orecchio alla musica , il corpo alle fatiche

3.  detto di animale, addestrarlo, ammaestrarlo: educare un cane da guardia | detto di pianta rampicante, farle seguire l'andamento voluto

4.  (poet.) coltivare, far crescere: nel suo povero tetto educò un lauro / con lungo amore (foscolo sepolcri 55-56).

dottrinare

v. tr. (ant.) addottrinare, educare (anche assol.) | dottrinarsi v. rifl. addottrinarsi, istruirsi. 

leggi

avvezzare

v. tr. [io avvézzo ecc.] abituare, educare | avvezzarsi v. rifl. abituarsi, assuefarsi. 

leggi

rieducare

v. tr. [io rièduco , tu rièduchi ecc.] (1) educare di nuovo, cercando di eliminare gli effetti di un'educazione carente o sbagliata (2) (med.) far riacquistare la funzionalità parziale o totale a un soggetto, a un organo o a una facoltà che hanno subito una menomazione: rieducare un poliomielitico , uno spastico ; rieducare un arto paralizzato ; rieducare il linguaggio.  

leggi

educato

part. pass. di educare agg. che ha ricevuto una buona educazione; cortese, garbato, gentile: un ragazzo , un gesto educato § educatamente avv.  

leggi

psicagogo

s.m. [pl. -ghi] (1) sacerdote che evocava le anime dei defunti (2) (rar.) persona abile nell'indirizzare ed educare gli spiriti e le menti (3) psicopompo. 

leggi

educabilità

s.f. possibilità di essere educato; in partic., disposizione del soggetto a recepire l'educazione; sensibilità al processo educativo: l'educabilità di un individuo , di un gruppo.  

leggi

educamento

s.m. (ant.) l'educare; educazione. 

leggi

educanda

s.f. giovinetta che viene educata in un istituto religioso | (estens.) ragazza timida, inesperta. 

leggi

educandato

s.m. collegio per l'educazione delle fanciulle retto da monache; la parte di un monastero in cui vivono e studiano le educande. 

leggi

educational

s.m. invar. qualsiasi strumento o attività (testo scolastico, sussidio didattico, viaggio di istruzione ecc.) che ha una finalità educativa. 

leggi

educativo

agg.  (1) che concerne l'educazione: sistemi , metodi educativi  (2) che tende a educare, atto a educare: un film educativo § educativamente avv.  

leggi

educatore

s.m. [f. -trice] (1) chi educa, spec. per dovere morale (p. e. come genitore) o per professione (come insegnante) (2) pedagogista, studioso di problemi educativi (3) (dir.) collaboratore del tribunale per i minorenni incaricato di assistere i giovani dalla condotta irregolare. 

leggi

educatorio

s.m. (non com.) educandato. 

leggi

educazione

s.f.  (1) l'educare; l'insieme degli interventi volti a formare la personalità intellettuale e morale di un individuo: l'educazione di un bambino ; ricevere , impartire una rigida , una sana educazione | il complesso delle norme, delle attività tendenti a sviluppare nell'uomo determinate facoltà e attitudini; denominazione di alcune materie di studio o d'insegnamento: educazione civica , artistica , sessuale , linguistica ; educazione fisica , la ginnastica | educazione permanente ,...

leggi

Sitemap