ei

tronc. e', pron. pers. m. di terza persona sing. (ant. tosc. o lett.) egli; usato solo davanti a consonante semplice o a nesso di muta o f , v + liquida: così foss'ei, da che pur esser dee! (dante inf. xxvi, 11) | in funzione di pronome pl.: ond'ei si gittar tutti in su la piaggia (dante purg. ii, 50).

eia

inter. esprime meraviglia, esortazione, esultanza: eia, calandrino, che vuol dir questo? (boccaccio dec. viii, 6) | eia! eia! eia! alalà! , grido d'ovazione e incitamento usato dai fascisti. 

leggi

eiaculare

v. intr. [io eiàculo ecc. ; aus. avere] emettere il liquido seminale attraverso l'uretra. 

leggi

eiaculatore

agg. (anat.) che serve all'eiaculazione: dotto eiaculatore.  

leggi

eiaculazione

s.f. l'eiaculare. 

leggi

eidetico

agg. [pl. m. -ci] (1) nella filosofia di e. husserl (1859-1938), relativo all'essenza, che concerne l'essenza (2) immagine eidetica , (psicol.) percezione di cose non presenti che è nitida come un'allucinazione, ma della cui natura puramente mentale il soggetto è consapevole. 

leggi

eidomatica

(r) [ei-do-mà-ti-ca] s. f. complesso dei principi e delle tecniche per creare, manipolare e archiviare immagini mediante elaboratore. 

leggi

eidomatico

agg. [pl. m. -ci] di, relativo all'eidomatica s.m. [f. -a] tecnico specializzato in eidomatica. 

leggi

eiettabile

agg. che si può proiettare fuori: sedile eiettabile , quello che, su certi tipi d'aereo, viene espulso in casi d'emergenza per consentire a chi lo occupa di salvarsi con il paracadute. 

leggi

eiettivo

agg. (ling.) egressivo. 

leggi

eiettore

s.m. (mecc.) apparecchio che consente l'estrazione di un fluido da un ambiente in depressione mediante l'azione aspirante di una corrente fluida ad alta velocità. 

leggi

Sitemap