facciata

s.f.

1.  la parte esterna di un edificio, corrispondente a uno dei lati principali del suo perimetro; comunemente, la fronte anteriore nella quale si apre l'ingresso principale: la facciata di un palazzo ; una facciata barocca

2.  ciascuna delle due superfici di una pagina: una lettera di quattro facciate

3.  (fig.) apparenza, aspetto esteriore: giudicare dalla facciata ; una correttezza di facciata , solo apparente; amicizia di facciata , superficiale.

cornicione

s.m. (arch.) elemento orizzontale aggettante che corona la facciata di un edificio. 

leggi

bicuspidale

agg. (arch.) che ha due cuspidi: facciata bicuspidale ; valvola bicuspidale (anat.), valvola bicuspide. 

leggi

frangisole

s.m. invar. struttura mobile o fissa che protegge la facciata di un edificio dai raggi del sole. 

leggi

distilo

agg. e s.m. (arch.) si dice di tempio con due colonne sulla facciata o di elemento architettonico sostenuto da due colonne. 

leggi

bianca

s.f.  (1) primo sonno dei bachi da seta (2) (tip.) facciata del foglio di stampa che viene impressa per prima; si contrappone a volta.  

leggi

alzato

part. pass. di alzare agg. nei sign. del verbo | stare alzato , non coricarsi s.m. (arch.) rappresentazione verticale della facciata di un edificio. 

leggi

faccenda

s.f.  (1) cosa che si deve fare; affare: avere una faccenda da sbrigare ; essere in faccende , essere occupato; le faccende domestiche , i lavori di casa. dim. faccendina , faccenduola  (2) caso, circostanza, situazione: è una brutta faccenda.  

leggi

faccendiere

agg. e s.m. [f. -a] (1) che, chi s'affaccenda in attività poco lecite, per lo più per intrigare e corrompere; maneggione, trafficone (2) (ant.) agente, amministratore. 

leggi

faccendone

s.m. [f. -a] chi si dà un gran da fare concludendo poco o nulla. 

leggi

faccetta

s.f.  (1) dim. di faccia | viso piccolo e aggraziato: la faccetta vispa di un bambino  (2) faccia di un poliedro o di una pietra preziosa. dim. faccettina  (3) faccetta articolare , (anat.) piccola superficie articolare di un osso. 

leggi

faccettare

v. tr. [io faccétto ecc.] (non com.) sfaccettare. 

leggi

faccettatrice

s.f. in apicoltura, macchina usata per imprimere nei fogli di cera le basi delle celle dell'arnia. 

leggi

facchinaggio

s.m.  (1) lavoro di facchino o da facchino (2) somma che si paga al facchino. 

leggi

facchinata

s.f.  (1) lavoro da facchino, faticoso; sfacchinata (2) (non com.) parola o gesto triviale. 

leggi

facchinesco

agg. [pl. m. -schi] di, da facchino; pesante, faticoso | (fig.) volgare, triviale. 

leggi

facchino

s.m. [f. -a] (1) chi per mestiere trasporta bagagli, masserizie o altri carichi simili; portabagagli, scaricatore: i facchini della stazione | lavorare , sgobbare come un facchino , pesantemente, duramente | gesti , parole da facchino , volgari, triviali (2) (estens.) chi compie lavori faticosi: fare il facchino tutto il giorno  (3) (fig.) persona rozza, volgare. 

leggi

Sitemap