facilitare

v. tr. [io facìlito ecc.]

1.  rendere facile o più facile; agevolare, appianare: facilitare un lavoro , il cammino

2.  (comm.) dilazionare, rateizzare: facilitare i pagamenti | (banc.) concedere un fido, un credito a qualcuno: facilitare un cliente.

episiotomia

s.f. (med.) incisione chirurgica dell'orifizio vulvare nella fase finale del parto, per facilitare l'espulsione del feto evitando lacerazioni. 

leggi

facilitato

part. pass. di facilitare agg. e s.m. [f. -a] (banc.) si dice di cliente di una banca che fruisce di credito. 

leggi

imbibire

v. tr. [io imbibisco , tu imbibisci ecc.] (fis.) facilitare l'assorbimento di un liquido o di una soluzione da parte di un corpo solido | imbibirsi v. rifl. (lett.) imbeversi. 

leggi

alzavalvola

s.m. [pl. invar. o -le] (mecc.) nei motori a scoppio a due tempi, dispositivo che alza la valvola di scarico del cilindro, per facilitare l'avviamento o l'arresto del motore. 

leggi

facilitazione

s.f.  (1) il facilitare, il rendere più facile; agevolazione, spec. economica | facilitazione di pagamento , dilazione, rateazione (2) (banc.) concessione di un credito o di un fido. 

leggi

facilità

ant. facilitade [fa-ci-li-tà-de], facilitate, s.f.  (1) l'essere facile; semplicità, agevolezza: la facilità di un compito , di un problema ; la facilità di un discorso , la sua comprensibilità | con facilità , facilmente (2) capacità, attitudine naturale a fare qualcosa senza fatica: facilità di intendere , a dipingere , nello scrivere ; facilità di parola , scioltezza nel parlare (3) (ant.) mansuetudine, affabilità; adattabilità. 

leggi

Sitemap