fallire

v. intr. [io fallisco , tu fallisci ecc. ; aus. avere e essere]

1.  non riuscire nel proprio intento: fallire in un'impresa | non avere esito positivo: la conferenza sul disarmo è fallita

2.  (dir.) fare fallimento

3.  (ant.) commettere un fallo o una mancanza

4.  (lett.) venir meno: e poi che forse li fallia la lena, / di sé e d'un cespuglio fece un groppo (dante inf. xiii, 122-123) | v. tr. mancare, sbagliare: fallire il colpo , il bersaglio | fallire la palla , non riuscire a colpirla, mancarla.

rifallire

v. tr. [io rifallisco , tu rifallisci ecc.] fallire di nuovo. 

leggi

fall down

loc. sost. m. invar. fall out. 

leggi

fall out

loc. sost. m. invar.  (1) ricaduta sulla superficie terrestre di polvere radioattiva, conseguente, nella maggior parte dei casi, a un'esplosione termonucleare; è detto anche, appunto, ricaduta radioattiva  (2) (estens.) effetto, ripercussione di un evento, di un fenomeno: il fall out tecnologico della produzione delle materie plastiche.  

leggi

falla

s.f.  (1) squarcio o apertura nella parte immersa di una nave, che provoca l'allagamento degli ambienti interni: una falla nella stiva ; tamponare una falla  (2) rottura in un argine, un bacino o un serbatoio, che determina la fuoruscita del liquido | (fig.) via per la quale il denaro si disperde o un settore si impoverisce: le falle di un bilancio  (3) (estens.) crepa, incrinatura, difetto di fabbricazione: una falla, una crepa, un difetto il più lieve della misura o del marmo...

leggi

fallace

agg.  (1) che inganna o che è frutto di inganno; falso, illusorio: previsione , speranza , promessa fallace ; sogni fallaci  (2) che stinge, che si perde (detto di colore) § fallacemente avv. con inganno; falsamente. 

leggi

fallacia

s.f. [pl. -cie] (1) (lett.) l'essere fallace; apparenza ingannevole, falsità | slealtà, malafede | sbaglio, errore (2) (ant.) sofisma; vizio di ragionamento. 

leggi

fallanza

s.f.  (1) (ant.) fallo, mancanza, errore (2) fallanza dei semi , (bot.) la loro mancata germinazione. 

leggi

fallare

v. intr. [aus. avere] (1) (ant. , lett.) commettere un fallo, sbagliare; peccare | prov. : chi non fa non falla , solo chi non fa nulla non si espone a errori (2) (ant. , lett.) mancare, venir meno (3) detto di seme, non germinare | fallarsi v. rifl. (ant. , lett.) sbagliarsi, cadere in errore: l'uno al pubblico segno i gigli gialli / oppone, e l'altro appropria quello a parte, / sì ch'è forte a veder chi più si falli (dante par. vi, 100-102). 

leggi

fallibile

agg.  (1) (non com.) che può sbagliare (2) (ant.) fallace. 

leggi

fallibilismo

s.m. (filos.) ogni dottrina secondo cui la conoscenza scientifica non è mai certa, ma sempre ipotetica e suscettibile di correzioni. 

leggi

fallibilista

s.m. [pl. m. -sti] chi sostiene il fallibilismo | anche come agg. : concezione fallibilista della scienza.  

leggi

Sitemap