gabbo

s.m. (non com.) beffa, burla: farsi gabbo di qualcuno , di qualcosa | prendere a gabbo , prendere alla leggera.

gabbare

v. tr. beffare, ingannare: gabbare il prossimo | prov. : passata la festa, gabbato lo (il) santo , si dice a chi, avuto il favore richiesto, dimentica le promesse fatte | v. intr. [aus. avere] (ant.) agire o parlare per burla | gabbarsi v. rifl. farsi beffe, prendersi gioco: gabbarsi dell'ingenuità di qualcuno.  

leggi

gabbacompagno

s.m. [pl. invar. o -gni] (non com.) imbroglione. 

leggi

gabbacristiani

s.m. invar. (non com.) chi inganna il prossimo; impostore. 

leggi

gabbamento

s.m. (non com.) il gabbare, l'essere gabbato. 

leggi

gabbamondo

s.m. invar. imbroglione; chi vive gabbando il prossimo (spesso scherz.). 

leggi

gabbanella

s.f.  (1) corto camice bianco indossato da medici e infermieri negli ospedali (2) veste da camera. 

leggi

gabbano

s.m. , o gabbana s.f. , (1) soprabito largo e lungo, talora foderato di pelliccia | voltare , mutare gabbana , (fig.) cambiare improvvisamente opinione, partito (2) sorta di veste da lavoro usata da contadini e operai. 

leggi

gabbatore

s.m. [f. -trice] chi gabba; imbroglione. 

leggi

gabbeo

s.m. tavola su cui, nelle saline, si pone ad asciugare il sale. 

leggi

Sitemap