gamba

s.f.

1.  ognuno degli arti inferiori dell'uomo; in partic., la parte compresa tra il ginocchio e il piede: gambe snelle , lunghe , storte , grosse | gambe da fantino , arcuate | fino a mezza gamba , fino al polpaccio | stare , essere in gamba (superl. scherz. in gambissima), (fig.) stare bene di salute; essere una persona valente, piena di qualità | sta' in gamba! , in gamba! , (fig.) sta' bene!; anche, sta' in guardia, sta' attento | male in gamba , (fig.) malconcio | non reggersi sulle gambe , essere molto stanco | mettersi la via tra le gambe , (fig.) incamminarsi, partire | fare il passo secondo la gamba , (fig.) fare qualcosa secondo le proprie possibilità, senza eccedere | fare il passo più lungo della gamba , impegnarsi in qualcosa che va al di là delle proprie possibilità | procedere , andare avanti con le proprie gambe , (fig.) fare qualcosa da solo, essere autonomo e in grado di disimpegnarsi | darsela a gambe , fuggire | mettersi le gambe in spalla , in capo , (fig.) fuggire a gran velocità | correre a gambe levate , precipitosamente, con molta fretta | gambe! , via!, scappiamo! | andare a gambe all'aria , cadere all'indietro; (fig.) andare in rovina | stendere le gambe , (fig.) morire | essere di buona gamba , di gamba lesta , essere un buon camminatore | mi tremano le gambe , ho molta paura; sono molto stanco | prendere qualcosa sotto gamba , (fig.) sottovalutarne l'importanza o la difficoltà | tagliare le gambe a qualcuno , (fig.) ridurlo all'impotenza, privarlo di ogni energia | ha vent'anni per gamba! , (scherz.) ne ha molti di più | prov. : chi non ha testa abbia gambe , chi è distratto si rassegni a fare molta strada per rimediare alle proprie dimenticanze. dim. gambetta , gambettina , gambina , gambuccia accr. gambona , gambone (m.) pegg. gambaccia

2.  (estens.) arto degli animali

3.  (estens.) parte di un oggetto o di un apparecchio che funge da sostegno: la gamba del tavolo ; la gamba del carrello d'atterraggio

4.  (estens.) elemento verticale di una figura o di una lettera; asta: la lettera m ha tre gambe.

gambacorta

s.m. invar. (scherz.) zoppo; persona con le gambe corte | l'ultimo a comparir fu gambacorta , loc. proverbiale con cui ci si rivolge scherzosamente a chi arriva per ultimo a un appuntamento. 

leggi

gambale

s.m.  (1) la parte dello stivale che ricopre la gamba. dim. gambaletto  (2) sorta di ghetta di pelle, staccata dalla scarpa e allacciata con cinturini a protezione della gamba (3) forma in legno per stivali, usata dai calzolai (4) nelle armature antiche, gambiera, schiniere (5) in una protesi per motulesi, l'elemento che va dal ginocchio alla caviglia. 

leggi

gambalesta

o gamba lesta, s.m. e f. invar. (scherz.) persona svelta, veloce nel camminare. 

leggi

gambaletto

s.m.  (1) dim. di gambale  (2) nelle calzature a collo alto, la parte rigida che protegge le caviglie (3) (med.) in ortopedia, ingessatura che si applica alla gamba dal ginocchio in giù (4) calza che arriva fin sotto il ginocchio. 

leggi

gambalunga

s.m. e f. invar. (scherz.) persona con le gambe lunghe; persona molto alta e dal portamento dinoccolato. 

leggi

gambata

s.f.  (1) colpo dato con la gamba | passo molto lungo (2) (tosc.) sgambetto. 

leggi

gambecchio

s.m. piccolo uccello commestibile, grigio e bianco, che frequenta le acque salmastre (ord. caradriformi). 

leggi

gamberana

s.f. piccola rete quadrata a larghe maglie che, fatta strisciare sul fondo dei fiumi o dei torrenti, serve a prendere i gamberi. 

leggi

gamberetto

s.m.  (1) dim. di gambero  (2) nome comune di vari piccoli crostacei commestibili. 

leggi

gambero

s.m. crostaceo marino o fluviale, commestibile, dal corpo allungato difeso da un robusto tegumento, con due chele anteriori e addome arrotondato a ventaglio posteriormente; bruno da vivo, diventa rosso con la cottura (ord. decapodi) | rosso come un gambero , assai rosso in volto, per lo più per vergogna | camminare come un gambero , (fig.) non fare progressi, regredire in un'attività. dim. gamberetto , gamberino accr. gamberone.  

leggi

Sitemap