laico

agg. [pl. m. -ci]

1.  che non appartiene al clero: un predicatore laico | che non ha ricevuto gli ordini sacerdotali: frate laico

2.  che si ispira a concezioni di autonomia rispetto all'autorità ecclesiastica; che s'informa ai caratteri del laicismo: stato laico ; idee , tendenze laiche ; cultura , scuola laica | partiti laici , che non si ispirano a una fede religiosa

3.  (estens.) che non segue rigidamente una ideologia: un pensatore laico

4.  nell'uso giornalistico, che non appartiene a una data istituzione: i componenti laici del consiglio superiore della magistratura , quelli nominati dal parlamento e non dai giudici s.m.

5.  [f. -a] chi non appartiene al clero

6.  frate laico § laicamente avv.

laicale

agg. proprio di un laico o dei laici: stato , condizione laicale ; associazione laicale , di ispirazione religiosa ma composta di laici. 

leggi

laicato

s.m.  (1) la condizione di chi è laico (2) l'insieme dei laici, in contrapposizione al clero. 

leggi

laicismo

s.m.  (1) tendenza a rendere autonomi il pensiero e l'attività dell'uomo da precetti religiosi o dall'intromissione dell'autorità ecclesiastica (2) l'essere laico; laicità. 

leggi

laicista

s.m. e f. [pl. m. -sti] chi sostiene il laicismo | anche come agg. : pensiero laicista.  

leggi

laicistico

agg. [pl. m. -ci] relativo al laicismo o ai laicisti; che si ispira al laicismo: movimento laicistico.  

leggi

laicità

s.f. l'essere laico: sostenere la laicità della cultura.  

leggi

laicizzare

v. tr. rendere laico: laicizzare un chierico , ridurlo allo stato laicale; laicizzare la scuola , sottrarla al controllo e all'influenza delle autorità ecclesiastiche | laicizzarsi v. rifl. assumere carattere laico. 

leggi

laicizzazione

s.f. il laicizzare; trasformazione in senso laico: la laicizzazione della politica.  

leggi

Sitemap