mortaio

s.m.

1.  (chim.) recipiente di vetro, porcellana, agata, ghisa o bronzo usato per frantumare e polverizzare, mediante l'apposito attrezzo (pestello), sostanze solide varie o per mescolare sostanze diverse | recipiente di legno, marmo o altro materiale usato come attrezzo da cucina per sminuzzarvi erbe aromatiche ecc. | pestare l'acqua nel mortaio , (fig.) fare una fatica inutile

2.  pezzo di artiglieria ad avancarica, con canna molto corta e traiettoria fortemente curva, che lancia proietti speciali con la carica di lancio incorporata.

brixia

® s.m. invar. (mil.) mortaio d'assalto o lanciabombe leggero. 

leggi

lanciabas

s.m. invar. (mil.) nome di un mortaio italiano per il lancio a lunga gittata di bombe antisommergibili. 

leggi

petriera

s.f. , o petriere s.m. , mortaio di grosso calibro usato fino all'inizio del sec. xix per lanciare palle di pietra. 

leggi

spalleggiare

v. tr. [io spalléggio ecc.] (1) aiutare, difendere, proteggere: è spalleggiato da tutti i suoi amici  (2) (mil.) portare a spalla: spalleggiare un mortaio | spalleggiarsi v. rifl. difendersi, sostenersi a vicenda. 

leggi

lanciabombe

agg. e s.m. invar. si dice di arma o dispositivo per il lancio di bombe | lanciabombe antisom , catapulta o mortaio singolo o a canne multiple per il lancio di bombe antisommergibili. 

leggi

avancarica

solo nella loc. agg. ad avancarica , indicante un'arma che si carica esclusivamente dalla parte anteriore della canna: il mortaio è una delle poche armi ad avancarica tuttora in uso.  

leggi

campanone

s.m.  (1) accr. di campana | in partic., la campana maggiore del campanile: il campanone del duomo  (2) (mil.) antico mortaio con la bocca a campana. 

leggi

mortaista

s.m. [pl. -sti] soldato addetto all'impiego di un mortaio. 

leggi

Sitemap