nefando

agg. turpe, scellerato, empio: un nefando assassino ; un delitto nefando | vizio nefando , (ant.) la sodomia § nefandamente avv.

funere

s.m. (lett.) delitto, uccisione; strage: quando il ferro d'ildebrando / su la donna si calò / e dal funere nefando / egli solo ritornò (carducci). 

leggi

nefandezza

s.f.  (1) l'essere nefando: la nefandezza di una calunnia  (2) atto nefando: macchiarsi di ogni genere di nefandezze.  

leggi

nefandità

s.f. (non com.) nefandezza. 

leggi

nefario

agg. (ant.) nefando, scellerato. 

leggi

nefasto

agg.  (1) nell'antica roma, si diceva dei giorni nei quali, per motivi rituali, non era lecito attendere agli affari pubblici (2) (estens.) luttuoso, funesto; infausto, sfavorevole: un giorno , un annuncio nefasto ; impresa nefasta ; esercitare un'influenza nefasta su qualcuno | (scherz.) si dice di persona che è frequente causa di danni s.m. pl. (lett.) avvenimenti ingloriosi: i fasti e i nefasti della nostra storia § nefastamente avv.  

leggi

nefelina

s.f. (min.) minerale del gruppo dei feldspatoidi, costituito di silico-alluminato di sodio e potassio, per lo più biancastro, che trova impiego nell'industria ceramica e del vetro. 

leggi

nefelinite

s.f. (geol.) nome di una famiglia di rocce effusive composte da nefelina e augite. 

leggi

nefelio

s.m. (med.) lo stesso che nubecola.  

leggi

nefelografo

s.m. (chim. fis.) nefelometro registratore. 

leggi

nefelometria

s.f.  (1) (chim. fis.) determinazione quantitativa, mediante mezzi ottici, delle particelle di una sostanza sospese in un liquido (2) (meteor.) misura della direzione e della velocità di movimento delle nubi. 

leggi

nefelometro

s.m.  (1) (chim. fis.) strumento atto allo studio quantitativo delle sospensioni (2) (meteor.) apparecchiatura usata per misurare la direzione e la velocità di moto delle nubi. 

leggi

Sitemap