obliquo

ant. obbliquo, agg.

1.  (geom.) si dice di retta o piano che incontri altra retta o altro piano secondo un angolo non retto; per estens., inclinato, diagonale, sbieco: una linea obliqua ; raggi obliqui

2.  (fig.) indiretto: venire a sapere per vie oblique | casi obliqui , (gramm.) quelli dei complementi indiretti, contrapposti al nominativo e all'accusativo (casi diretti)

3.  (fig.) storto, sbieco: uno sguardo obliquo | non sincero, sleale, ambiguo: parole , mire oblique ; ben che duro gli fosse, era più onesto / che satisfare a quella voglia obliqua (ariosto o. f. xxi, 19)

4.  (poet.) iniquo, avverso: maggior de' tempi e de l'obbliquo fato (carducci)

5.  (anat.) si dice di diversi muscoli caratterizzati dalla posizione obliqua rispetto all'asse dell'organo che comandano, gener. imponendogli un movimento di rotazione: (muscolo) obliquo esterno dell'addome , quello che abbassa le costole, flette il torace sul bacino e comprime i visceri addominali; (muscolo) obliquo superiore dell'occhio , quello che ruota il globo oculare in fuori e in basso; (muscolo) obliquo inferiore dell'occhio , quello che ruota il globo oculare in fuori e in alto § obliquamente avv.

6.  in posizione, in direzione obliqua: traversare obliquamente

7.  (fig.) per vie traverse, ambiguamente.

obbliquo

e deriv. vedi obliquo e deriv.  

leggi

trocleare

agg. (anat.) della troclea: nervo trocleare , il quarto paio di nervi cranici che innerva il muscolo grande obliquo dell'occhio. 

leggi

godet

s.m. invar. in sartoria, taglio obliquo della stoffa che crea una svasatura a campana: gonna a godet.  

leggi

obliquità

ant. obbliquità, s.f. l'essere obliquo (anche fig.) | obliquità dell'eclittica , (astr.) angolo formato dal piano dell'eclittica con quello dell'equatore celeste. 

leggi

schiso

agg. (tosc.) obliquo ' di schiso , di fianco, lateralmente s.m. (ant.) numero che è stato diviso; frazione ridotta ai minimi termini. 

leggi

augnatura

s.f. (tecn.) taglio obliquo praticato su due pezzi da collegare secondo un certo angolo, unghiatura; anche, il punto in cui i due pezzi si collegano. 

leggi

diagonale

s.f. (geom.) linea retta che in un poligono unisce due vertici non consecutivi: la diagonale di un quadrato | genericamente, linea trasversale, obliqua: tagliare un foglio in diagonale | s.m.  (1) stoffa tessuta diagonalmente rispetto all'ordito (2) nel calcio e nel tennis, tiro obliquo rispetto ai lati del campo agg. trasversale, obliquo: linea diagonale § diagonalmente avv. nella direzione della diagonale; trasversalmente. 

leggi

obliquare

v. intr. [aus. avere] (rar.) avanzare in senso obliquo; deviare | v. tr. (rar.) rendere obliquo. 

leggi

Sitemap