occhio

s.m.

1.  organo della vista, di costituzione e fisiologia diverse secondo il tipo di animale; nell'uomo e negli altri vertebrati è una formazione anatomica sferoidale situata nell'orbita e protetta dalle palpebre: occhio destro , sinistro ; occhi piccoli , grandi , sporgenti ; occhi chiari , scuri , castani , celesti , secondo il colore dell'iride; occhi tondi , a mandorla , secondo la conformazione del taglio delle palpebre; le malattie degli occhi ; occhi lucidi , per febbre o per commozione; avere le lacrime agli occhi , essere sul punto di piangere; fare un occhio nero a qualcuno , (fam.) provocargli un ematoma con una percossa nella zona oculare | cavare gli occhi , accecare | sfregarsi , stropicciarsi gli occhi , per sonnolenza o incredulità | a quattr'occhi , da solo a solo, a tu per tu | a me gli occhi! , formula con cui l'ipnotizzatore invita qualcuno a fissarlo | aprire gli occhi , svegliarsi; anche, nascere | sognare a occhi aperti , fantasticare | chiudere gli occhi , addormentarsi; anche, morire | chiudere gli occhi a qualcuno , assisterlo al momento della morte | chiudersi gli occhi , avere molto sonno: mi si chiudono gli occhi | essere come il fumo negli occhi , essere antipatico, odioso | uovo all'occhio (di bue) , cotto al tegamino | essere dentro qualcosa fino agli occhi , (fig.) esservi impegnato moltissimo, esserne oppresso | pagare , spendere un occhio (della testa) , (fig.) moltissimo | avere solo gli occhi per piangere , (fig.) non avere, non possedere più nulla | prov. : occhio per occhio, dente per dente , la legge del taglione, che impone una pena uguale al danno causato; quattro occhi vedono meglio di due , due persone vedono la realtà meglio di una; in terra di ciechi, beato chi ha un occhio , chi ha poco fra chi non ha nulla può considerarsi fortunato. dim. occhietto , occhiolino accr. occhione pegg. occhiaccio

2.  come organo della vista, con riferimento allo sguardo, alla capacità visiva: a vista d'occhio , per quanto si può vedere direttamente; crescere a vista d'occhio , (fig.) molto rapidamente | a perdita d'occhio , fin dove può giungere lo sguardo | colpo d'occhio , veduta d'insieme; (fig.) prima impressione | aver qualcosa davanti agli occhi , vederla direttamente; (fig.) averla presente, ricordarla bene | mettere qualcosa davanti agli occhi di qualcuno , fargliela vedere; (fig.) richiamare su di essa la sua attenzione | gettar l'occhio su qualcosa , guardarla di sfuggita; (fig.) prenderla in considerazione | vedere qualcosa con i propri occhi , vederla direttamente, verificarla di persona | vedere a occhio nudo , senza l'aiuto di strumenti ottici; (fig.) vedere, capire immediatamente, senza bisogno di commenti, spiegazioni e sim. | cavarsi gli occhi , (fig. fam.) stancarsi, logorarsi la vista | cadere , capitare sott'occhio , sotto gli occhi , essere visto, notato | saltare agli occhi , essere evidentissimo | dar nell'occhio , farsi notare, attirare l'attenzione | mettere , piantare gli occhi addosso a qualcuno , non staccare gli occhi da qualcosa , guardare, osservare con attenzione, con insistenza | tener d'occhio , sorvegliare a vista | voltare l'occhio , guardare altro; (fig.) distrarsi | non credere ai propri occhi , essere stupito, incredulo | non avere né occhi né orecchie , essere riservato, tener segreto ciò che si vede e si sente | non aver gli occhi o avere le bende , le fette di salame sugli occhi o avere gli occhi foderatidi prosciutto , non vedere ciò che è evidente; (fig.) non saper trarre le conseguenze di ciò che si vede

3.  con riferimento alla capacità di osservare e quindi all'attenzione, alla conoscenza, al discernimento, al gusto: essere tutt'occhi , stare molto attento, non lasciarsi sfuggire nulla | a occhio , secondo una stima superficiale, senza un'analisi o una misurazione precisa | occhio! , attenzione!: occhio al gradino! ; occhio ai prezzi! | avere occhio , saper ben misurare, giudicare, scegliere | a occhi chiusi , (fig.) senza riflettere, con assoluta fiducia; con grande facilità: questo lo so fare anche a occhio | chiudere un occhio , (fig.) fingere di non sapere; anche, essere tollerante | aprire gli occhi , (fig.) accorgersi, rendersi conto della realtà aprire gli occhi a qualcuno , (fig.) fargli conoscere la realtà, toglierlo da un'illusione | tener d'occhio qualcuno , qualcosa , (fig.) tenersi al corrente, informato, seguirne le azioni, gli sviluppi | avere un occhio di qua e uno di là , osservare, considerare più cose contemporaneamente | far l'occhio a qualcosa , abituarsi a vederla, assuefarcisi | rifarsi gli occhi , dopo un brutto spettacolo, ricrearsi con qualche cosa di bello | essere un pugno in un occhio , (fig.) si dice di ciò che è bruttissimo, stonato, di pessimo gusto | l'occhio vuole la sua parte , l'aspetto esteriore ha la sua importanza

4.  con riferimento alla capacità di esprimere emozioni, sentimenti: leggere negli occhi , intuire dall'espressione del volto | far tanto d'occhi o sbarrare , spalancare , sgranare gli occhi , esprimere in viso stupore, incredulità | schizzare fiamme , veleno dagli occhi , (fig.) esprimere in viso ira, odio, invidia | fare gli occhi dolci , corteggiare con lo sguardo | mangiare , divorare con gli occhi , esprimere desiderio, amore, o anche ira | lasciarci gli occhi , desiderare moltissimo qualcosa senza poterla avere | mettere gli occhi addosso , (fig.) scegliere come oggetto di desiderio | vedere di buon , di mal occhio , con favore, con sfavore

5.  ciò che per aspetto o per funzioni è simile a un occhio; elemento circolare o tondeggiante: occhio del brodo , macchia di grasso sulla sua superficie; occhi del formaggio , i buchi | occhi del pavone , macchie circolari sulle penne della sua coda | fagioli dall'occhio , con una macchiolina scura ad anello intorno all'ilo | occhio di pernice , callo fra le dita dei piedi | occhio magico , (elettr.) nelle radio a valvole termoioniche, indicatore visivo di sintonia | occhio elettrico , cellula fotoelettrica | occhio di un tifone , di un ciclone , (meteor.) l'area centrale calma, attorno a cui ruotano masse d'aria ad altissima velocità: essere , trovarsi nell'occhio del ciclone , (fig.) al centro di difficoltà, di conflitti acuti

6.  (arch.) piccola finestra ovale o rotonda; in partic., quella nel tamburo di una cupola | occhio di bue , sulle navi, oblò non apribile; in teatro, televisione e cinema, proiettore usato per illuminazioni dall'alto | occhio di cubia , (mar.) apertura per il passaggio della catena dell'ancora nel fianco della nave

7.  (bot.) gemma: gli occhi della patata | innesto a occhio , fatto sotto la corteccia, con una sola gemma

8.  (tip.) la parte del carattere di stampa che porta il segno grafico in rilievo

9.  occhio di gatto , di tigre , (min.) pietre dure con striature di colore, dotate di un particolare effetto di luce, usate per ornamento

10.  occhio di pavone , (zool.) farfalla così denominata per le macchie sulle ali bruno-rossicce; è detta anche vanessa io (ord. lepidotteri) 11 occhio di pesce , (foto.) lo stesso che fish-eye 12 occhi della madonna , pianta erbacea con fiorellini azzurri e piccole foglie ovali (fam. primulacee).

occhiocotto

s.m. [pl. -ti] piccolo uccello con testa nera e occhi arancione cerchiati di rosso (ord. passeriformi). 

leggi

occhiolino

s.m.  (1) dim. di occhio  (2) far l'occhiolino , strizzare l'occhio, ammiccare. 

leggi

occhione

s.m.  (1) accr. di occhio  (2) elemento anteriore del dispositivo d'aggancio di un rimorchio, che termina con un anello in cui si inserisce il gancio del veicolo trainante (3) uccello con zampe lunghe, piedi palmati, testa grossa e grandi occhi sporgenti (ord. caradriformi). 

leggi

occhiorosso

s.m. [pl. -si] denominazione popolare di diversi uccelli, tra cui l'occhiocotto. 

leggi

ciclopia

s.f. (med.) mostruosità congenita caratterizzata dalla presenza di un solo occhio in mezzo alla fronte. 

leggi

cerviero

o cerviere , s.m. (ant.) lince agg. (ant.) di lince: occhio cerviero (petrarca canz. ccxxxviii, 2) | lupo cerviere , lince. 

leggi

buftalmo

s.m. pianta erbacea con fiori gialli e foglie lanceolate, detta pop. occhio di bue (fam. composite). 

leggi

bircio

agg. [pl. f. -ce] (tosc) guercio, di vista corta: uomo bircio | strabico: occhio bircio | guardare di bircio , di traverso. 

leggi

ciclope

ant. ciclopo, s.m. nella mitologia greca, mostruoso essere gigantesco, di fattezze umane ma con un occhio solo in mezzo alla fronte. 

leggi

ceraste

s.m. , lett. cerasta s.f. , serpente africano che presenta sopra ciascun occhio una protuberanza simile a un piccolo corno (fam. viperidi). 

leggi

biomicroscopia

s.f. (med.) applicazione del microscopio in campo diagnostico e chirurgico (spec. in oculistica e otorinolaringoiatria) per l'osservazione e l'intervento su aree impercettibili a occhio nudo. 

leggi

astigmatico

agg. [pl. m. -ci] atto a correggere l'astigmatismo: lenti astigmatiche agg. e s.m. [f. -a] che, chi è affetto da astigmatismo: occhio astigmatico ; un (soggetto) astigmatico.  

leggi

bruscolo

s.m.  (1) pagliuzza, fuscello. dim. bruscolino  (2) granello di polvere; corpuscolo | avere un bruscolo in un occhio , (fig.) avere un fastidio | levarsi un bruscolo dall'occhio , (fig.) liberarsi da un fastidio | fare di un bruscolo una trave , (fig.) ingigantire una difficoltà (3) (fig. scherz.) cosa o persona assai piccola: un bruscolo di bambino | non è un bruscolo , non è cosa trascurabile (4) (non com.) foruncoletto. 

leggi

occhiaccio

s.m.  (1) pegg. di occhio  (2) fare gli occhiacci , guardare in modo severo o minaccioso. 

leggi

occhiaia

s.f.  (1) orbita oculare: le occhiaie del teschio  (2) pl. lividi sotto gli occhi, dovuti a stanchezza o a malessere. 

leggi

occhialaio

s.m. [f. -a] (antiq.) chi fabbrica, ripara o vende occhiali. 

leggi

occhiale

agg. (ant.) degli occhi, riferito agli occhi: vetro occhiale , lente da vista s.m.  (1) (ant.) ogni strumento ottico destinato ad aiutare la vista; in partic., cannocchiale (2) (pop.) occhialetto; lente da occhio. 

leggi

occhialeria

s.f.  (1) (antiq.) negozio dove si vendono o si riparano occhiali (2) (non com.) assortimento di occhiali. 

leggi

occhialetto

s.m.  (1) occhiali per signora, oggi disusati, che non hanno stanghette e si reggono con la mano per mezzo di un lungo manico (2) (rar.) lente unica incastrata nell'orbita dell'occhio; monocolo. 

leggi

occhiali

s.m. pl.  (1) coppia di lenti inserite in una montatura che poggia sul naso e sulle orecchie, che si portano per correggere difetti di vista o per proteggere gli occhi: occhiali da vista , da sole , da neve , da sub ; occhiali da miope , da presbite ; occhiali da motociclista , da sci ; portare , mettersi , inforcare , levarsi gli occhiali | serpente dagli occhiali , cobra. dim. occhialini , occhialetti accr. occhialoni  (2) (fig.) nel gioco della dama, mossa con cui si mette una...

leggi

occhialino

s.m. lo stesso che occhialetto.  

leggi

occhialone

s.m. nome comune di una varietà di pagello che ha una macchia nerastra dietro l'opercolo e grandi occhi rossi (ord. perciformi). 

leggi

occhialuto

agg. e s.m. [f. -a] (scherz.) si dice di persona che porta gli occhiali, spec. se grandi e vistosi. 

leggi

Sitemap