oggetto

ant. obbietto [ob-bièt-to], obietto, s.m.

1.  (filos.) tutto ciò che è percepito dal soggetto come diverso da sé il mondo esterno in quanto opposto al soggetto che pensa e conosce: oggetto reale , immaginario

2.  ciò che costituisce il termine di un'attività, di un sentimento; fine, scopo: l'oggetto dei desideri , delle ricerche ; l'oggetto di una visita ; essere oggetto di venerazione , d'invidia | complemento oggetto , (gramm.) termine su cui si esercita direttamente l'azione del verbo transitivo attivo (p. e. ho letto un bel libro)

3.  ciò che cade sotto i sensi; cosa concreta, materiale, spec. se solida; in partic., cosa prodotta dall'uomo: oggetti di pietra , lignei ; oggetto artistico ; oggetti preziosi , antichi ; oggetti d'uso ; senza occhiali vedo tutti gli oggetti confusi ; un oggetto di grande valore ; buttar via gli oggetti ingombranti | oggetto misterioso , (scherz.) cosa difficile da trovare, o da definire, descrivere. dim. oggettino

4.  materia, argomento, contenuto: l'oggetto del discorso , della lettera ; la questione in oggetto , di cui si parla o scrive | in funzione di agg. (sempre posposto al nome)

5.  riferito a persona, per sottolineare che viene considerata alla stregua di una cosa, come se fosse priva di personalità, volontà, sentimenti: donna oggetto

6.  (inform.) che è orientato alla macchina: codice , linguaggio , programma oggetto.

aggiustatura

s.f. operazione dell'aggiustare, riparazione | il punto in cui un oggetto è stato aggiustato. 

leggi

aggeggio

s.m.  (1) oggetto di poco valore; anche, oggetto o arnese che non si sa ben definire: un tavolo ingombro di aggeggi inutili ; uno strano aggeggio. dim. aggeggino  (2) (fig.) pasticcio, imbroglio. 

leggi

aerosostentazione

s.f. sostentazione di un aeromobile o di un altro oggetto dovuta a forze aerostatiche o aerodinamiche. 

leggi

abitativo

agg. relativo all'abitare, che riguarda le abitazioni | edilizia abitativa , quella che ha per oggetto la costruzione di case di abitazione. 

leggi

alabastro

s.m.  (1) (min.) varietà traslucida e compatta di calcare o di gesso, a zone di color bianco o giallognolo, usata per lavori ornamentali (2) oggetto di alabastro. 

leggi

oggettistica

s.f. il settore commerciale della produzione e vendita di oggetti da regalo e per la casa; anche, assortimento di tali oggetti. 

leggi

oggettivare

v. tr.  (1) rendere oggettivo; esprimere in forma concreta: oggettivare il proprio stato d'animo in un racconto  (2) (estens.) rendere concreto, evidente, percepibile (un concetto astratto, una nozione teorica, un giudizio ecc.) | oggettivarsi v. rifl. divenire oggettivo, estrinseco, concreto. 

leggi

oggettivazione

s.f. l'oggettivare, l'oggettivarsi, l'essere oggettivato. 

leggi

oggettivismo

s.m. (filos.) ogni concezione che riconosca l'esistenza di una realtà o la validità di nozioni e princìpi indipendentemente dal soggetto conoscente: l'oggettivismo di platone , del pensiero classico ; l'oggettivismo prekantiano.  

leggi

oggettivista

s.m. e f. [pl. m. -sti] (filos.) seguace dell'oggettivismo; che si ispira all'oggettivismo | usato anche come agg. in luogo di oggettivistico.  

leggi

oggettivistico

agg. [pl. m. -ci] (filos.) dell'oggettivismo, degli oggettivisti § oggettivisticamente avv.  

leggi

oggettività

s.f.  (1) l'essere oggettivo; realtà oggettiva (2) obiettività, imparzialità: giudicare con oggettività.  

leggi

oggettivo

agg.  (1) che concerne o che ha per fondamento la realtà per sé stessa, l'oggetto; che si presenta come oggetto: dati oggettivi ; realtà oggettiva | proposizione oggettiva , (gramm.) proposizione dipendente che ha la funzione di complemento oggetto del verbo della reggente (p. e. disse che non poteva venire ; disse di non poter venire) | genitivo oggettivo , complemento di specificazione oggettiva , (gramm.) che indica l'oggetto dell'azione espressa dal sostantivo...

leggi

oggettuale

agg. dell'oggetto, relativo all'oggetto, agli oggetti. 

leggi

oggettualità

s.f. l'essere oggettuale. 

leggi

Sitemap