palata

s.f.

1.  quantità di materiale che una pala può contenere: una palata di neve | a palate , (fig.) in grande quantità, soprattutto nella loc. far soldi a palate

2.  colpo dato con una pala

3.  colpo di remo dato nell'acqua per spingere avanti un'imbarcazione.

palatale

agg.  (1) (anat.) del palato; palatino (2) (ling.) si dice di suono articolato con il dorso della lingua appoggiato al palato duro: consonanti palatali (p. e. / n / in bagno , / l / in maglio); vocali palatali , quelle anteriori (in it. / e, e, i /) s.f. (ling.) consonante o vocale palatale. 

leggi

palatalizzare

o palatizzare, v. tr. (ling.) sottoporre a palatalizzazione | palatalizzarsi v. rifl. (ling.) divenire palatale. 

leggi

palatalizzazione

o palatizzazione, s.f. (ling.) processo mediante il quale un suono sposta il suo punto di articolazione verso il palato duro, divenendo così un suono palatale (p. e. il suono velare / k / del lat. ce°ntum / 'kentum / è passato nell'it. al suono palatale / ts / di cento / 'tsento /). 

leggi

spalare

v. tr. togliere, asportare con la pala: spalare la neve , la terra | spalare i remi , disporli con le pale orizzontali, quando sono fuor d'acqua tra una palata e l'altra. 

leggi

palare

v. tr. (rar.) rimestare con la pala: palare il grano.  

leggi

pala

s.f.  (1) attrezzo di varia forma, per lo più costituito da una larga lama d'acciaio fissata a un lungo manico di legno che serve a caricare, ammucchiare, rimuovere terra o altri materiali incoerenti: scavare una fossa con la pala | pala da fornaio , quella, talvolta tutta di legno, usata per infornare e sfornare il pane | pala da granaglia , da mugnaio , quella a forma di grosso cucchiaio di legno usata per rimuovere granaglie, farina ecc. | con la pala , (fig.) a palate, in gran...

leggi

pala

s.f.  (1) montagna con parete di roccia ripidissima: pale di san martino  (2) lungo prato molto inclinato che si spinge fin sotto una parete rocciosa. 

leggi

palabotto

s.m. (mar.) goletta a tre alberi. 

leggi

paladinesco

agg. [pl. m. -schi] (lett.) di, da paladino (anche iron.): atteggiamento paladinesco.  

leggi

paladino

s.m.  (1) (st.) cavaliere di alta nobiltà e provato valore militare che viveva presso la corte carolingia costituendo una sorta di guardia nobile del re | nella letteratura cavalleresca, ciascuno dei dodici valorosi cavalieri scelti da carlo magno come suoi campioni (2) [f. -a] (fig.) difensore, propugnatore acceso di una causa: ergersi a paladino degli oppressi ; i paladini della libertà.  

leggi

palafitta

s.f.  (1) (etnol.) abitazione su piattaforma lignea che poggia su pali infissi nel terreno, per lo più coperto d'acqua o paludoso; fu in uso in età preistorica e lo è tuttora in alcune regioni del sud-est asiatico e dell'africa equatoriale (2) complesso di pali di legno, ferro o cemento armato che, infissi nel terreno, servono a costiparlo, rendendolo più atto a sostenere carichi | (estens.) costruzione su palafitta. 

leggi

palafittare

v. tr. (rar.) munire di palafitte. 

leggi

palafitticolo

relativo alle palafitte: cultura palafitticola agg. e s.m. [f. -a] che, chi abita in capanne costruite su palafitte. 

leggi

palafreniere

o palafreniero , s.m.  (1) chi era addetto al governo di un palafreno; staffiere, scudiero (2) (mil.) istruttore degli allievi cavallerizzi. 

leggi

palafreno

s.m. cavallo da viaggio e da parata dei cavalieri medievali. 

leggi

Sitemap