quarta

s.f.

1.  la quarta classe di un corso di studi: la quarta elementare

2.  la quarta parte della circonferenza dell'orizzonte

3.  (mar.) la trentaduesima parte della rosa dei venti, pari a 11° 15'

4.  (mus.) intervallo di quattro gradi della scala diatonica

5.  nei cambi di velocità di autoveicoli e motoveicoli, la quarta marcia: innestare la quarta | partire in quarta , (fig.) intraprendere qualcosa con baldanza, con irruenza

6.  una delle posizioni di guardia della scherma; anche, una posizione della danza classica

7.  (dir.) nel diritto romano, quarta parte dell'eredità del marito che spettava alla vedova priva di dote.

quartabuono

pop. quartabono , s.m. squadra di legno a forma di triangolo rettangolo, usata in falegnameria | a quartabuono , ad angolo di 45° ; giunto a quartabuono , quello ottenuto facendo combaciare due angoli di 45° così da ottenere un angolo retto, come avviene negli angoli delle cornici. 

leggi

quartana

s.f. (med.) forma malarica in cui la crisi febbrile si manifesta ogni quarto giorno. 

leggi

quartara

(1) s.f. , o quartaro s.m. , antica misura di capacità per vino e per aridi, di valore variabile a seconda dei luoghi (da (2) a più di 100 litri). 

leggi

quartarolo

o quartaruolo , s.m. antica misura di capacità per liquidi, in uso a roma, equivalente a poco più di 14,5 litri. 

leggi

quartato

agg. (non com.) di corporatura robusta, forte: cavallo ben quartato.  

leggi

quartazione

s.f. (metall.) affinamento di una lega d'oro o d'argento mediante acido nitrico. 

leggi

controcopertina

s.f. in editoria, quarta pagina della copertina di un libro o di una rivista; quarta di copertina. 

leggi

fa

s.m. invar. quarta nota della scala musicale di do. 

leggi

biquadratico

agg. [pl. m. -ci] (mat.) si dice di equazione binomia di quarto grado nella quale l'incognita compare solamente alla quarta e alla seconda potenza. 

leggi

-ire

suffisso dei verbi della terza coniugazione, derivato dalla desinenza latina -i¯re dei verbi della quarta coniugazione (capire , gioire , partire). 

leggi

lacca

s.f. (ant.) cavità scoscesa; fossa: così scendemmo ne la quarta lacca / pigliando più de la dolente ripa / che'l mal dell'universo tutto insacca (dante inf. vii, 16-18). 

leggi

aorta

s.f. (anat.) l'arteria principale e più grande del corpo umano, che parte dal ventricolo sinistro del cuore e si estende fino all'altezza della quarta vertebra lombare, ove si suddivide nei rami terminali. 

leggi

cenozoico

agg. [pl. m. -ci] (geol.) si dice della quarta delle cinque ere geologiche e di ciò che a essa appartiene: fossile cenozoico s.m. era cenozoica, era terziaria. 

leggi

quarto

agg. num. che in una serie occupa il posto numero quattro; è rappresentato da 4° nella numerazione araba, da iv in quella romana: aprile è il quarto mese dell'anno ; il corridore italiano è arrivato quarto ; frequenta la quarta (classe) ; elevare un numero alla quarta (potenza) ' aggiunto al nome di sovrano o papa, indica il posto da lui occupato nella serie di coloro che hanno portato lo stesso nome (si scrive sempre in numero romano): enrico iv ;...

leggi

quarteria

s.f. (agr.) rotazione quadriennale di una coltura agraria, con un anno a riposo o a maggese. 

leggi

quarteruolo

s.m. (ant.) pezzo di metallo a forma di moneta; gettone. 

leggi

quartettista

s.m. e f. [pl. m. -sti] (mus.) (1) chi compone musica per quartetti (2) chi fa parte di un quartetto vocale o strumentale. 

leggi

quartetto

s.m.  (1) (mus.) nella musica strumentale, composizione destinata a quattro esecutori: i quartetti di boccherini , di haydn , di béla bartók | nella musica vocale, composizione per quattro voci soliste | il complesso, la formazione che esegue tali composizioni: quartetto d'archi , formato da due violini, una viola, un violoncello; quartetto di legni , formato da flauto, clarino, oboe e fagotto (2) gruppo di quattro persone molto affiatate o ben assortite: formano proprio un bel...

leggi

Sitemap