quegli

ant. quelli, pron. dimostr. m. sing. (lett.) quella persona, con riferimento a qualcuno che è lontano da chi parla (si usa quasi esclusivamente come sogg.): don abbondio gli andò dietro, e, mentre quegli girava la chiave nella toppa, se gli accostò. .. (manzoni p. s. ii).

paraormone

s.m. (chim. biol.) termine che indica quegli ormoni che non sono prodotti da ghiandole specifiche: paraormoni cellulari , tissutali.  

leggi

neanide

s.f. (zool.) lo stadio giovanile di quegli insetti che sgusciano dall'uovo in una forma già abbastanza simile a quella dell'adulto. 

leggi

quei

pron. dimostr. m. sing. (lett.) lo stesso che quegli (si usa solo davanti ai vocaboli che cominciano per consonante): ché non soccorri quei che t'amò tanto (dante inf. ii, 104). 

leggi

quello

o quel (davanti ai vocaboli che cominciano per consonante che non sia s impura, gn , ps , x , z), agg. dimostr. [pl. m. quegli (ant. quelli) o quei (lett. o tosc. que') negli stessi casi in cui si usa quel ; precede sempre il sostantivo] (1) indica persona o cosa lontana, nel tempo o nello spazio, sia da chi parla sia da chi ascolta: dammi quel libro ; quelle chiavi sono mie ; quei ragazzi sono troppo indisciplinati ; che cosa vuoi che sappiano fare...

leggi

Sitemap