rad

s.m. invar. (fis.) unità di misura della dose di radiazione ionizzante assorbita per unità di massa di materia irradiata; corrisponde a un'energia ionizzante di un centesimo di joule per chilogrammo di sostanza ionizzata; nel sistema internazionale è sostituita dal gray, che corrisponde a 100 rad.

rada

s.f. larga insenatura riparata, naturale o artificiale, adatta all'ancoraggio delle navi. 

leggi

radar

s.m. invar. apparecchio che, generando e utilizzando microonde, serve per la ricerca e la localizzazione di oggetti o bersagli fissi o semoventi, per la radioguida di aeromobili ecc. ' radar nautico , usato dalle navi per la navigazione di notte, con nebbia o in avverse condizioni di visibilità, allo scopo di evitare collisioni agg. invar. di, relativo al radar: schermo radar | uomini radar , nell'uso giornalistico, controllori di volo. 

leggi

radar-relè

s.m. invar. (mil.) sistema per la sorveglianza di vasti territori che utilizza radar istallati su aeromobili o su satelliti artificiali. 

leggi

radarabile

agg. radarriflettente. 

leggi

radaraltimetro

s.m. altimetro che effettua rilevamenti sfruttando un radar a impulsi. 

leggi

radarassistenza

s.f. assistenza mediante radar alla navigazione aerea o marittima. 

leggi

radarastronomia

s.f. settore della radioastronomia che prevede l'impiego di radar. 

leggi

radarfaro

s.m. tipo speciale di radiofaro per radarassistenza aerea o marittima, che emette segnali che consentono di localizzarlo solo quando lo si cerchi espressamente per mezzo di un particolare radar di bordo. 

leggi

radargeodesia

s.f. settore della geodesia che usa i radar a fini di indagine. 

leggi

radargeodetico

agg. [pl. m. -ci] di, relativo alla radargeodesia. 

leggi

Sitemap