razionale

(1)

agg.

1.  dotato di ragione, fornito di superiori capacità conoscitive: l'uomo è un essere razionale | anima razionale , (filos.) nella dottrina platonica, l'anima dove ha sede la facoltà raziocinante dell'uomo

2.  conforme alla ragione, che deriva dalla ragione; fondato su basi scientifiche, su principi rigorosamente logici: metodo , ordine razionale

3.  elaborato o costruito in modo perfettamente corrispondente al suo scopo, alla sua funzione: architettura razionale

4.  in matematica: numeri razionali , i numeri interi, frazionari, decimali finiti e decimali periodici; operazioni razionali , le quattro operazioni fondamentali dell'aritmetica (addizione, sottrazione, moltiplicazione, divisione); funzioni razionali , quelle che si esprimono come quoziente di due polinomi, in una o più variabili § razionalmente avv. secondo principi, criteri razionali: nutrirsi razionalmente ; sistemare razionalmente un ufficio.

razionale (2)

s.m. drappo rettangolare, adorno di dodici pietre preziose simboleggianti le dodici tribù d'israele, che il sommo sacerdote ebraico portava sul petto quando entrava nel santuario o quando doveva decidere di questioni importanti.

coniglicoltura

s.f. l'allevamento razionale dei conigli; cunicoltura. 

leggi

apicoltura

o apicultura , s.f. allevamento razionale delle api. 

leggi

logos

antiq. logo, s.m. invar.  (1) (filos.) la manifestazione del pensiero razionale dell'uomo attraverso il discorso | il principio metafisico costituente l'ordine razionale del mondo (2) (teol.) la seconda persona della trinità, il verbo. 

leggi

alpicoltura

o alpicultura , s.f. studio dello sfruttamento razionale delle zone di alta montagna per il pascolo e la coltivazione. 

leggi

irrazionale

agg.  (1) non dotato di ragione: essere irrazionale  (2) non fondato su ragioni valide; illogico, irragionevole: ipotesi, comportamento irrazionale  (3) privo di razionalità, di funzionalità non idoneo a soddisfare certe esigenze pratiche: un appartamento irrazionale; una disposizione irrazionale dei mobili  (4) (filos.) che sfugge o non è riducibile agli schemi logici della ragione (5) (mat.) si dice di numero reale che non è rappresentabile in forma di frazione (p. e....

leggi

agronomia

s.f. scienza che studia la coltivazione razionale delle piante e l'assetto e lo sfruttamento più redditizi del terreno agricolo. 

leggi

illuministico

agg. [pl. m. -ci] relativo all'illuminismo o agli illuministi: idee , dottrine illuministiche § illuministicamente avv. secondo i principi dell'illuminismo | (estens.) in modo razionale e sistematico. 

leggi

cubico

agg. [pl. m. -ci] di cubo, che ha forma di cubo: volume , corpo cubico | in matematica: radice cubica di un numero , numero la cui terza potenza dà il numero proposto; equazione cubica , equazione razionale intera di terzo grado; (curva) cubica , curva algebrica espressa da una funzione razionale intera di terzo grado. 

leggi

razionalismo

s.m.  (1) ogni dottrina filosofica che consideri la struttura della realtà come intimamente razionale, tale cioè da poter essere compresa dagli schemi logici umani | ogni dottrina filosofica che consideri la ragione come la fonte principale, o esclusiva, di tutte le nostre conoscenze (2) (teol.) la tendenza ad ammettere che dio e le verità religiose siano conoscibili con la sola ragione (3) (estens.) ogni atteggiamento dettato da criteri eminentemente razionali (4) movimento...

leggi

razionalista

s.m. e f. [pl. m. -sti] (1) seguace del razionalismo (2) (estens.) chi si affida alla ragione più che all'intuizione o al sentimento | usato anche come agg. in luogo di razionalistico.  

leggi

razionalistico

agg. [pl. m. -ci] che riguarda il razionalismo o i razionalisti: movimento razionalistico § razionalisticamente avv. con criterio, con atteggiamento razionalistico: concepire , interpretare , argomentare razionalisticamente.  

leggi

razionalità

s.f.  (1) l'esser dotato di ragione; facoltà, capacità di ragionare: la razionalità dell'uomo  (2) la proprietà di ciò che è razionale: la razionalità di un sistema , di un arredamento.  

leggi

razionalizzare

v. tr.  (1) rendere razionale, più rispondente a criteri di funzionalità o di efficienza economica: razionalizzare un sistema di produzione  (2) (psicol.) operare una razionalizzazione | trasferire in termini razionali ciò che era sentito o espresso in termini emotivi: razionalizzare la ribellione , un rifiuto  (3) (mat.) operare una razionalizzazione. 

leggi

razionalizzazione

s.f.  (1) il razionalizzare, l'essere razionalizzato: la razionalizzazione dell'agricoltura  (2) (psicol.) la tendenza o il processo consistenti nel giustificare razionalmente i propri moti istintivi e gli atti di origine emotiva (3) (mat.) eliminazione dei radicali dai denominatori di un'espressione matematica. 

leggi

Sitemap