realismo

s.m.

1.  ogni dottrina filosofica che ritenga l'oggetto della nostra conoscenza, il mondo esterno, come esistente in sé, indipendentemente dalla nostra attività conoscitiva (si contrappone a idealismo) | in particolare, nella scolastica medievale, dottrina che, in contrapposizione al concettualismo e al nominalismo, attribuisce ai concetti universali un'esistenza propria ed esterna al pensiero

2.  atteggiamento di chi considera la realtà nella sua concretezza, senza lasciarsi guidare dal sentimento o da considerazioni astratte: affrontare una situazione con realismo

3.  in arte e in letteratura, ogni indirizzo che ispira la rappresentazione alla realtà, evitando di deformarla o idealizzarla: il realismo di courbet ; il realismo della narrativa francese dell'ottocento | realismo magico , corrente letteraria e artistica del novecento italiano, che mirava a conciliare le due opposte esigenze del realismo e della trasfigurazione.

iperrealistico

agg. [pl. m. -ci] relativo al movimento artistico dell'iperrealismo | (estens.) caratterizzato da realismo molto accentuato. 

leggi

soft-core

agg. invar. si dice di pubblicazione o spettacolo di carattere pornografico in cui il realismo della rappresentazione sia alquanto mitigato, anche per effetto di una certa eleganza espressiva (si oppone a hard-core). 

leggi

grand-guignol

s.m. invar. genere teatrale in cui si rappresentano scene di delitti e orrori di ogni genere, con un realismo esasperato che fa scadere il tragico nel grottesco e nel ridicolo. 

leggi

Sitemap