saggiare

v. tr. [io sàggio ecc.]

1.  verificare con procedimenti tecnici la qualità di un prodotto, e in particolare la purezza di un metallo prezioso: saggiare il platino

2.  (fig.) provare, mettere alla prova; cercare di rendersi conto della natura, delle caratteristiche di qualcuno o di qualcosa: saggiare le proprie forze ; saggiare il terreno , l'avversario

3.  (ant. o dial.) assaggiare.

saggiatura

s.f.  (1) l'operazione di saggiare i metalli preziosi (2) il segno che resta sul metallo saggiato. 

leggi

cimento

s.m.  (1) mistura a base di sali e altre sostanze che gli orafi usavano per saggiare o purificare i metalli preziosi; l'operazione stessa del saggiare o purificare così i metalli | (estens.) prova, esperimento scientifico, saggio (2) (lett.) prova ardua, rischiosa: affrontare il cimento delle armi.  

leggi

saggiatore

s.m.  (1) [f. -trice] chi saggia; in partic., chi saggia la purezza dei metalli preziosi (2) piccola bilancia di precisione per saggiare i metalli preziosi | il saggiatore , titolo di un'opera (1623) di g. galilei. 

leggi

penetrometro

s.m.  (1) in geotecnica, strumento usato per saggiare la resistenza alla penetrazione offerta da un terreno (2) strumento per determinare la consistenza di leganti bituminosi a determinate temperature. 

leggi

coppellare

v. tr. [io coppèllo ecc.] (1) (ant.) purificare o saggiare metalli preziosi nella coppella (2) sottoporre un metallo fuso alla coppellazione (3) ornare di coppelle, di incavi. 

leggi

saggezza

s.f. virtù, qualità che consiste nella capacità di seguire la retta ragione nella condotta della vita, nell'agire, nel valutare, nel consigliare secondo un criterio di prudenza e di equilibrio; la sapienza che deriva dall'esperienza e si applica all'attività pratica: la saggezza dei vecchi ; parlare con grande saggezza.  

leggi

saggiavino

s.m. invar. in enologia, tubetto di vetro con un rigonfiamento a un'estremità, usato per prelevare del vino da una botte per le prove di assaggio. 

leggi

saggina

s.f. pianta erbacea annuale con foglie lineari e infiorescenze rossastre a pannocchia, usate per fabbricare scope e spazzole; alcune varietà sono coltivate per usi alimentari e come foraggio (fam. graminacee). 

leggi

sagginale

s.m.  (1) fusto secco della saggina (2) zufolo ricavato dalla canna della saggina. 

leggi

sagginare

lett. saginare, v. tr. (rar.) mettere all'ingrasso animali, spec. maiali e volatili. 

leggi

sagginato

agg. (ant. , lett.) di cavallo il cui mantello ha il colore della saggina. 

leggi

sagginella

s.f. pianta erbacea con fusti coperti da una peluria biancastra terminanti in grandi pannocchie piramidali (fam. graminacee). 

leggi

saggio

agg. [pl. f. -ge] (1) di persona, dotato di saggezza: essere , dimostrarsi saggio ; un vecchio saggio | di cosa, fatto con saggezza, che esprime o rivela saggezza: un saggio consiglio ; una saggia decisione ; parole sagge  (2) (ant.) esperto nella propria arte; pratico, consapevole, edotto: pur su al monte dietro a me acquista, / fin che n'appaia alcuna scorta saggia (dante purg. iv, 38-39) s.m. [f. -a] persona saggia: comportarsi da saggio | esperto al di sopra delle parti,...

leggi

Sitemap