salam

inter. formula di saluto di origine araba usata talora in tono scherzoso.

salama

s.f. carne di maiale tritata, aromatizzata con spezie e vino, insaccata come una piccola mortadella, da mangiarsi cotta; è specialità ferrarese (detta propr. salama da sugo). 

leggi

salamandra

s.f. (zool.) genere di anfibi urodeli dal corpo allungato provvisto di coda e con quattro corte zampe; anticamente si credeva che potessero sopravvivere nel fuoco: salamandra pezzata o maculosa , a macchie nere e gialle; salamandra nera o alpina , nera con sfumature grigie sul ventre; salamandra acquaiola , tritone | essere una salamandra , avere la pelle di salamandra , (fig.) essere capace di resistere al calore del fuoco, dei raggi solari. 

leggi

salamanna

s.f. vite e uva bianca da tavola con grossi acini; alamanna. 

leggi

salame

s.m.  (1) carne di maiale tritata e salata, insaccata con aggiunta di grasso, pepe e talvolta aromi, da consumarsi dopo una certa stagionatura: affettare il salame ; un panino col salame. dim. salamino  (2) (estens.) dolce costituito da un rotolo di pan di spagna ripieno di cioccolato o di frutta cotta (3) (fig.) persona sciocca o impacciata: suo fratello è un salame. accr. salamone , salamotto.  

leggi

salamelecco

ant. salamelecche , s.m. [pl. -chi] saluto eccessivamente cerimonioso; complimento esagerato: fare mille salamelecchi.  

leggi

salamella

s.f. salame magro a forma di ferro di cavallo che si consuma, crudo o cotto, quando è ancora poco stagionato. 

leggi

salamino

s.m.  (1) dim. di salame | salame di piccole dimensioni, da mangiarsi crudo e in alcuni tipi anche cotto: salamino alla cacciatora  (2) (tip.) colonna costituita da righe più brevi così da dar posto a una illustrazione; colonnino. 

leggi

salamoia

s.f.  (1) soluzione acquosa concentrata di sale da cucina, usata per la conservazione di alcuni cibi: olive , pesce , molluschi in salamoia  (2) soluzione salina incongelabile che viene fortemente raffreddata in macchine frigorifere e quindi fatta circolare in un impianto frigorifero affinché, agendo come intermediario, raffreddi o mantenga freddo ciò che in esso è contenuto. 

leggi

salamoiare

v. tr. [io salamòio ecc.] (rar.) mettere in salamoia: salamoiare le acciughe.  

leggi

Sitemap