salicile

s.m. (chim.) radicale monovalente derivato dall'acido salicilico.

salicilammide

s.f. (chim.) ammide dell'acido salicilico, usata come sedativo, antireumatico e antimuffa. 

leggi

salicilato

s.m. (chim.) sale o estere dell'acido salicilico; alcuni salicilati sono usati nell'industria conserviera come conservanti, altri in medicina come antireumatici: salicilato di sodio ; salicilato di fenile , salolo. 

leggi

salicilico

agg. [pl. m. -ci] (chim.) (1) si dice di un ossiacido aromatico a sette atomi di carbonio, cristallino, bianco, presente nel salice e usato in farmacia e nell'industria delle conserve alimentari come antifermentativo (2) si dice degli esteri dell'acido salicilico. 

leggi

salicilismo

s.m. (med.) intossicazione da salicilati, spec. quella provocata da iperdosaggio di medicinali che ne contengono. 

leggi

salicilizzazione

s.f. nell'industria, trattamento di una sostanza con salicilati per migliorarne o stabilizzarne le qualità oppure per garantirne una più lunga conservazione. 

leggi

Sitemap