salire

ant. o dial. saglire, v. intr. [io salgo , tu sali , egli sale , noi saliamo , voi salite , essi sàlgono (pop. io salisco , tu salisci ecc.); pass. rem. io salìi (ant. salsi), tu salisti ecc. ; pres. congiunt. io salga. .. , noi saliamo , voi saliate , essi sàlgano (pop. io salisca ecc.); part. pres. salènte o saliènte ; ger. salèndo ; aus. essere]

1.  muoversi, andare, spostarsi dal basso verso l'alto, per lo più con movimento graduale; montare: salire per le scale ; salire in cima a un monte , in casa , in terrazzo ; salire in macchina , a cavallo , sulla nave ; salire su una sedia ; salire con l'ascensore , con la funivia , a piedi ; il palombaro salì in superficie | salire da qualcuno , in casa sua ' salire in cattedra , sul pulpito , (fig.) assumere atteggiamenti da saccente ' salire al trono , (fig.) diventare re

2.  alzarsi nell'aria, sollevarsi, ascendere: l'aquila sale a grandi altezze ; le urla salirono al cielo | salire al cielo , in paradiso , (eufem.) morire

3.  ergersi, raggiungere una certa altezza: il monte bianco sale fino a quasi 5000 metri | essere in salita: la strada sale ancora

4.  (fig.) pervenire a una condizione migliore, più elevata: salire nella considerazione generale ; salire in gran fama | salire agli onori degli altari , essere dichiarato santo

5.  (fig.) crescere, aumentare: la popolazione mondiale continua a salire ; la temperatura sale ; il livello del fiume sta salendo ; i prezzi tendono a salire ; la benzina è salita ancora (di prezzo) | v. tr. percorrere in salita, scalare: salire il monte ; salire le scale.

galleggiare

v. intr. [io galléggio ecc. ; aus. avere] mantenersi sulla superficie dell'acqua senza affondare; stare a galla | (estens.) di aerostato, aereo ecc., stare sospeso in aria, senza salire né scendere. 

leggi

calapranzi

s.m. invar. piccolo montacarichi col quale si calano e si fanno salire le portate, le stoviglie ecc. quando la cucina e la sala da pranzo sono poste su piani diversi. 

leggi

sala

s.f.  (1) ampio ambiente interno di edifici o appartamenti, destinato a usi o attività che prevedono o comportano la presenza di numerose persone: sala da pranzo ; sala delle conferenze ; sala da gioco ; sala da ballo , locale pubblico attrezzato per potervi ascoltare musica e danzare; sala da tè , locale, annesso a un bar, dove i clienti vengono serviti al tavolo; sala d'aspetto , per il pubblico in attesa, nelle stazioni o presso uffici e studi pubblici e privati; sala di convegno ,...

leggi

sala

s.f. organo di collegamento rigido tra due ruote ' sala montata , nei veicoli ferroviari, complesso dell'asse e delle ruote montate su di esso. 

leggi

sala

s.f. nome generico di diverse piante palustri con infiorescenze a spiga e foglie lineari che vengono usate per impagliare (fam. tifacee). 

leggi

salacca

region. saracca, s.f.  (1) (pop.) sarda o aringa o altro pesce simile conservato sotto sale o affumicato | campare con una salacca , (fig.) vivere poveramente ' sembrare una salacca , (fig.) si dice di persona magra e allampanata (2) (fig. scherz.) sciabola | colpo dato con forza a mano aperta. 

leggi

salaccaio

s.m. [f. -a] (rar.) venditore di salacche. 

leggi

salaccio

s.m. (chim.) miscela grezza di vari sali che si separa da acque saline naturali. 

leggi

salace

agg.  (1) (ant.) eccitante, afrodisiaco (2) (estens.) scurrile, lascivo: battute , storielle salaci  (3) (fig.) mordace, pungente: una battuta salace § salacemente avv.  

leggi

salacità

s.f. l'essere salace. 

leggi

salagione

s.f. (rar.) salatura, spec. del pesce da conservare. 

leggi

salam

inter. formula di saluto di origine araba usata talora in tono scherzoso. 

leggi

Sitemap