scodellare

v. tr. [io scodèllo ecc.]

1.  versare nelle scodelle, nei piatti la minestra o altri cibi liquidi o fluidi: scodellare la zuppa ; scodellare la polenta sulla grande tafferia (manzoni p. s. vi)

2.  (fig. fam.) tirar fuori, dire, fare con prontezza e facilità: scodellare bugie ; la moglie gli scodella un figlio all'anno | scodellare la palla , nel linguaggio calcistico, passarla con grande precisione.

scodellato

part. pass. di scodellare agg. pronto e servito nella scodella, nel piatto ' volere la pappa scodellata , (fig.) pretendere di trovare tutto già pronto e fatto. 

leggi

scodella

s.f.  (1) piatto fondo in cui si servono alimenti, spec. liquidi: una scodella di porcellana , di ceramica , di terraglia | (estens.) la quantità di cibo contenuta in una scodella: mangiarsi due scodelle di minestrone. dim. scodelletta , scodellina , scodellino (m.) accr. scodellona , scodellone (m.) pegg. scodellaccia  (2) tazza tonda, senza manico, adibita a usi vari (3) cavità scavata nella roccia a forma di scodella. 

leggi

scodellaio

s.m. (non com.) chi fabbrica o vende scodelle. 

leggi

scodellata

s.f. quantità di cibo contenuta in una scodella. 

leggi

scodellino

s.m.  (1) dim. di scodella  (2) nome di vari elementi o dispositivi a forma di scodella; in partic., nei motori a scoppio, coppetta innestata sulla valvola che serve come appoggio della molla; nelle antiche armi da fuoco, coppetta fissata alla culatta, contenente il polverino che, acceso dal tiratore, comunicava l'accensione alla carica di lancio attraverso il luminello. 

leggi

Sitemap