Tutti i termini del nostro dizionario che iniziano con la lettera «X»

x

s.m. o f. ventiquattresima lettera dell'alfabeto, il cui nome è ics ; propria dell'alfabeto greco e latino, è entrata successivamente negli alfabeti di varie...

xantelasma

s.m. [pl. - smi] (med.) xantoma della palpebra. 

xantene

s.f. (chim.) composto organico ossigenato a tre anelli esaatomici e tredici atomi di carbonio, costituente fondamentale di una classe di coloranti detti xantenici.  

xantenico

agg. [pl. m. -ci] (chim.) si dice di composto derivato dallo xantene: colorante xantenico.  

xantina

s.f. (chim.) alcaloide naturale con struttura derivante dalla purina, presente nei tessuti vegetali e nei secreti animali. 

xanto-

primo elemento di parole composte della terminologia scientifica, dal gr. xanthós `giallo' (xantofilla). 

xantoficee

s.f. pl. (bot.) classe di alghe unicellulari o pluricellulari, che hanno colore verde giallastro per la presenza di xantofilla nel tallo | sing. [-a] ogni alga...

xantofilla

s.f. (chim. biol.) pigmento giallo presente nelle foglie insieme alla clorofilla, e che appare con evidenza nelle foglie caduche autunnali. 

xantogenato

s.m. (chim.) sale o estere dell'acido xantogenico: xantogenato di cellulosa.  

xantogenico

agg. [pl. m. -ci] (chim.) si dice di un acido derivato dall'acido carbonico per sostituzione di due atomi di ossigeno con zolfo e poi di un atomo di idrogeno con un radicale. 

xantoma

s.m. [pl. -mi] (med.) piccolo tumore cutaneo di colore giallastro, dovuto ad accumulo di derivati del colesterolo. 

xantomatosi

s.f. invar. (med.) malattia della pelle dovuta alla presenza di xantomi. 

xantone

s.m. (chim.) composto organico a struttura di chinone, usato come insetticida contro zanzare e termiti. 

xantopsia

s.f. (med.) disturbo visivo per cui gli oggetti appaiono colorati di giallo. 

xenartri

s.m. pl. (zool.) ordine di mammiferi con dentatura ridotta o incompleta, un tempo compresi fra gli sdentati ; vi appartengono, tra gli altri, il formichiere, l'armadillo e il bradipo...

xeno

s.m. elemento chimico di simbolo xe; è uno dei gas rari che si trovano nell'atmosfera. 

xeno-

o seno-, primo elemento di parole composte della terminologia scientifica e dotta, dal gr. xénos `straniero, ospite'; vale `straniero, estraneo, strano, ospite' (xenartri ,...

xenobio

s.m. in biogeografia, organismo insediato eccezionalmente in un ambiente a cui, di norma, è estraneo; xenobionte. 

xenobionte

s.m. lo stesso che xenobio.  

xenobiosi

s.f. (biol.) fenomeno per cui un animale si adatta a vivere nello stesso rifugio o nido di un altro animale di specie affine. 

xenobiotico

agg. e s.m. [pl. m. -ci] si dice di sostanza priva di valore nutritivo, perciò inutilizzabile dal punto di vista energetico e nei processi di biosintesi. 

xenodochio

o senodochio, s.m. nel medioevo, ospizio nel quale si ospitavano gratuitamente forestieri e pellegrini. 

xenodollaro

s.m. (econ.) dollaro degli stati uniti d'america depositato presso banche operanti all'estero. 

xenoecologia

s.f. ramo dell'ecologia che studia le condizioni ambientali dello spazio extraterrestre e le possibilità che l'uomo ha di adattarvisi. 

xenoecologico

agg. [pl. m. -ci] di, relativo alla xenoecologia. 

xenoecologo

s.m. [f. -a ; pl. m. -gi] studioso di xenoecologia. 

xenofilia

s.f.  (1) tendenza a preferire tutto quello che è straniero (2) (zool.) caratteristica di un animale che vive in xenobiosi. 

xenofilo

agg.  (1) caratterizzato da xenofilia: gusti xenofili  (2) (zool.) si dice di animale che pratica la xenofilia. 

xenofobia

non com. senofobia, s.f. odio, avversione per gli stranieri e per tutto ciò che è straniero. 

xenofobico

non com. senofobico, agg. [pl. m. -ci] di xenofobia, da xenofobo. 

xenofobo

non com. senofobo, agg. e s.m. [f. -a] che, chi prova xenofobia agg. che ae¯ ispirato a xenofobia: politica xenofoba , leggi...

xenogamia

s.f. (bot.) impollinazione incrociata che si compie tra fiori portati da individui diversi di una stessa specie. 

xenoglossia

non com. senoglossia, s.f. fenomeno di tipo medianico per cui una persona, in particolari circostanze, parla una o più lingue che normalmente ignora. 

xenolite

s.f. (geol.) roccia estranea contenuta in una massa litoide di origine magmatica posteriore. 

xenopo

(1) s.m. (zool.) genere di anfibi anuri africani, lunghi dai (2) ai 20 cm, con corpo estremamente liscio e provvisto di membrane natatorie; conducono vita subacquea. 

xenotrapianto

s.m. (med.) trapianto di un organo tra individui appartenenti a specie diverse. 

xenotrapiantologia

s.f. branca della trapiantologia che impianta organi appartenenti a individui di una specie su individui di un'altra specie (p. e. organi di primati...

xenovaluta

s.f. (econ.) valuta depositata presso banche operanti al di fuori del paese d'origine. 

xeres

s.m. invar. vino secco spagnolo di gradazione elevata; corrisponde allo sherry ambrato. 

xero-

primo elemento di parole composte del linguaggio scientifico moderno, dal gr. xerós `secco'; vale `secco, arido' (xerofito), oppure `a secco' (xerografia). 

xerobio

agg. (biol.) che vive, che può vivere in ambiente arido: fauna , flora xerobia s.m. ambiente biologico caratterizzato da scarsezza...

xerocopia

s.f. copia xerografica. 

xerocopiare

v. tr. [io xerocúpio ecc] riprodurre col procedimento della xerografia: xerocopiare un documento , un disegno.  

xerocopiatrice

s.f. macchina per fare xerocopie. 

xeroderma

s.m. [pl. -mi] (med.) affezione cutanea caratterizzata da abnorme secchezza della pelle e fine desquamazione. 

xerofilo

agg. (biol.) si dice di organismo animale o vegetale che predilige i luoghi aridi. 

xerofito

agg. (bot.) si dice di organismo vegetale che si adatta a un clima e a un suolo costantemente aridi. 

xeroftalmia

s.f. (med.) stato di particolare secchezza della congiuntiva e della cornea che deriva da una trasformazione dell'epitelio congiuntivale; xeroftalmo. 

xeroftalmico

agg. [pl. m. -ci] (med.) di xeroftalmia. 

xeroftalmo

s.m. (med.) xeroftalmia. 

xerografia

s.f. procedimento di stampa a secco effettuato mediante macchine che utilizzano l'elettricità statica; si impiega per la riproduzione di documenti. 

xerografico

agg. [pl. m. -ci] di, relativo alla xerografia: procedimento xerografico | ottenuto per mezzo della xerografia: copia xerografica.  

xeroradiografia

s.f. procedimento radiografico che consente di ottenere radiogrammi di tipo xerografico invece che fotografico. 

xeroradiografico

agg. [pl. m. -ci] di, relativo a xeroradiografia. 

xeroradiogramma

s.m. [pl. -mi] registrazione ottenuta mediante xeroradiografia. 

xerosfera

s.f. (geog.) l'ambiente climatico dei deserti. 

xerosi

s.f. (med.) trasformazione dell'epitelio della congiuntiva che dà origine alla xeroftalmia. 

xerotermo

agg. (biol.) si dice di organismo vegetale che si adatta a un clima con forti escursioni termiche, e prevalentemente secco. 

xerotipia

s.f. lo stesso, ma meno com., che xerografia.  

xerotipico

agg. [pl. m. -ci] lo stesso, ma meno com., che xerografico.  

xifoide

agg. e s.m. o f. (anat.) si dice dell'appendice inferiore dello sterno. 

xifoideo

agg. (anat.) dello xifoide. 

xifosuri

s.m. pl. (zool.) ordine di artropodi marini, lunghi fino a 60 cm e assai simili ai crostacei, cui appartiene il limulo (cl. merostomi) | sing. ...

xilano

s.m. (chim.) ogni appartenente a una classe di polisaccaridi formati dall'associazione di molecole di xilosio, che si trovano spesso insieme alla cellulosa del legno. 

xilema

s.m. [pl. -mi] (bot.) la parte legnosa dei vegetali. 

xilematico

agg. [pl. m. -ci] (bot.) relativo allo xilema; legnoso. 

xilene

s.m. (chim.) nome comune a tre derivati dimetilici del benzene, ottenuti per distillazione del catrame di carbon fossile o per reforming delle nafte, e usati come solventi e nella...

xilenolo

s.m. (chim.) ogni composto derivato da uno dei tre xileni per sostituzione di un atomo di idrogeno dell'anello benzenico con un ossidrile. 

xilidina

s.f. (chim.) ogni composto derivato da uno dei tre xileni per sostituzione di un atomo di idrogeno dell'anello benzenico con un gruppo amminico primario. 

xilo-

' silo-. 

xilofago

o silofago, agg. [pl. m. -gi] (zool.) si dice di animale che si ciba di legno: i tarli sono xilofagi.  

xilofonista

o silofonista, s.m. e f. [pl. m. -sti] suonatore di xilofono. 

xilofono

o silofono, s.m. strumento musicale costituito da una serie di tavolette di legno di diversa lunghezza e disposte in scala dalla più lunga alla più corta, che si percuotono con due...

xilografia

e deriv. vedi silografia e deriv.  

xilolite

s.f. legno artificiale ottenuto per elevata compressione di cascami vegetali (p. e. segatura), materiale inerte (p. e. talco) e un adesivo; dotato...

xilolo

s.m. (chim.) nome antiquato dello xilene.  

xilologia

e deriv. ' silologia e deriv.  

xilomarimba

s.f. (mus.) strumento che può offrire sia le caratteristiche sonore dello xilofono, sia quelle della marimba; largamente impiegato nel jazz, è talora usato anche nella musica colta...

xilosio

s.m. (chim.) zucchero a cinque atomi di carbonio, usato nella concia delle pelli e nell'alimentazione dei diabetici. 

xiloteca

' siloteca. 

xoanon

s.m. [pl. xòana] statua lignea destinata al culto, oppure votiva, appartenente alla fase più antica e primitiva dell'arte greca. 

xografia

s.f. (foto.) sistema di stampa a effetto tridimensionale che si ottiene da due fotografie stereoscopiche dello stesso soggetto. 

xografico

agg. [pl. m. -ci] (foto) di, relativo a xografia. 

Sitemap