tacitamento

s.m. il tacitare.

tacitare

v. tr. [io tàcito ecc.] (1) pagare un debito, gener. con una somma inferiore a quella dovuta: tacitare un creditore  (2) far tacere, mettere a tacere: tacitare uno scandalo.  

leggi

tacitiano

agg.  (1) dello storico latino cornelio tacito (54/55 - 120 ca), o che si riferisce alla sua opera, al suo stile (2) alla maniera di tacito | detto di stile, stringato, conciso: prosa tacitiana.  

leggi

tacitismo

s.m.  (1) (lett.) lo studio e l'imitazione di tacito, del suo stile, della sua tecnica storiografica (2) corrente storiografica dei secc. xvi-xvii che si rifece al pensiero di tacito per interpretare l'assolutismo del proprio tempo e formulare principi di azione politica. 

leggi

tacito

agg.  (1) (lett.) che tace, non dice parola | (estens.) che non fa rumore; silenzioso: passo tacito ; al tacito / morir d'un giorno inerte (manzoni il cinque maggio) (2) (fig.) che è espresso in modo non palese, ma intuibile: una tacita preghiera ; un tacito rimprovero ; tra noi c'è un tacito accordo § tacitamente avv. in silenzio; segretamente, in maniera non esplicita. 

leggi

taciturnità

s.f. (non com.) l'essere taciturno. 

leggi

taciturno

agg.  (1) che tace o parla poco (2) (poet.) silenzioso, che non fa rumore § taciturnamente avv.  

leggi

Sitemap