ucciso

part. pass. di uccidere agg. e s.m. [f. -a] che, chi è stato privato della vita: gli animali uccisi ; i familiari dell'ucciso.

uccisore

s.m. [f., raro, ucciditrice ; pop. -sora] omicida: gli uccisori di cesare.  

leggi

succiso

part. pass. di succidere agg. (poet.) reciso: vede, ahi, dolor! giacerne ucciso / il suo lesbin, quasi bel fior succiso (tasso g. l. ix, 85). 

leggi

scotennatura

s.f. lo scotennare | (etnol.) l'usanza di scotennare il nemico ucciso o catturato. 

leggi

matricida

s.m. e f. [pl. m. -di] chi ha ucciso la propria madre. 

leggi

parricida

lett. patricida, s.m. e f. [pl. m. -di] (1) chi ha ucciso il proprio padre | (non com.) chi ha ucciso la propria madre o un altro ascendente (2) (fig. lett.) traditore della patria. 

leggi

uccidere

ant. o poet. occidere, v. tr. [pass. rem. io ucci si, tu uccidésti ecc. ; part. pass. ucci so] (1) privare della vita; portare alla morte: uccidere con un colpo d'arma da fuoco , col veleno , con una pugnalata ; uccidere in duello , in battaglia ; uccidere a tradimento ; i congiurati uccisero cesare ; uccidere una lepre ; un preparato per uccidere i topi ; fu ucciso da un infarto , da un male inguaribile ; il dolore e lo sconforto l'hanno ucciso  (2)...

leggi

uccisione

ant. occisione, s.f. l'uccidere, l'essere ucciso: l'uccisione di una persona , di un animale ; stragi e uccisioni insanguinarono il paese.  

leggi

Sitemap