ud

s.m. invar. (mus.) nome generico di strumenti cordofoni della musica tradizionale araba; in partic., quello a manico corto, creato dagli arabi nel sec. vii, da cui è derivato il liuto.

udente

rar. udiente, part. pres. di udire agg. e s.m. e f. che, chi ha integro l'uso dell'udito; usato soprattutto nella loc. eufem. non udente , sordo. 

leggi

udibile

agg. che può essere udito, percepito dall'orecchio: un sussurro appena udibile § udibilmente avv. (non com.) in modo che si possa udire: parlare udibilmente.  

leggi

udibilità

s.f.  (1) l'essere udibile (2) (fis.) proprietà di un fenomeno ondulatorio, che si propaga in un mezzo, di essere percepito dall'orecchio umano | campo di udibilità , campo di frequenze percepibili come suoni dall'orecchio | soglia di udibilità , il più basso livello di intensità a cui l'orecchio normale può percepire i vari suoni nel campo delle frequenze udibili. 

leggi

udiente

vedi udente

leggi

udienza

ant. audienza, s.f.  (1) l'udire, il dare ascolto | dare udienza , prestare la propria attenzione a qualcuno: date udienza insieme / a le dolenti mie parole estreme (petrarca canz. cxxvi, 12-13) | trovare udienza presso qualcuno , trovare chi presti attenzione, ascolto alle proprie richieste | non dare udienza , non ascoltare: non dà udienza , si dice scherzosamente o ironicamente di chi si dà arie e sta sulle sue (2) il dare ascolto, da parte di alti personaggi, a chi è ammesso...

leggi

udinese

agg. di udine s.m. e f. abitante, nativo di udine. 

leggi

udire

ant. audire, v. tr. [pres. io òdo , tu òdi , egli òde , noi udiamo , voi udite , essi òdono ; in tutta la coniugazione, ò- in posizione tonica, u- in posizione atona; fut. io udirò o udrò ecc. ; cond. io udirèi o udrèi ecc. ; part. pres. udènte , rar. udiènte] (1) percepire suoni per mezzo dell'orecchio: udire un grido , un canto , un rumore ; si udì un boato ; fu udita piangere  (2) venire a sapere; conoscere per mezzo di informazioni, per sentito dire: ho udito che...

leggi

udita

s.f. (non com.) l'udire, il percepire chiaramente i suoni | testimone d'udita , che asserisce di aver udito raccontare il fatto, ma di non essere stato presente (in contrapposizione a testimone oculare e auricolare) | per udita , (rar.) per fama, per sentito dire. 

leggi

uditivo

rar. auditivo, agg. dell'udito: condotto , apparato uditivo ; facoltà uditiva § uditivamente avv. per ciò che concerne l'udito. 

leggi

udito

s.m. il senso con cui si percepiscono i suoni, il cui organo è costituito dall'orecchio : perdere , riacquistare l'udito | avere l'udito fine , sentirci benissimo | esser duro d'udito (o d'orecchio), essere quasi sordo; (fig.) non voler sentire. 

leggi

Sitemap