v

s.f. o m. ventiduesima lettera dell'alfabeto (ventesima dell'alfabeto italiano tradizionale) il cui nome è vu , meno com. vi ; rappresenta la consonante fricativa labiodentale sonora | a v , che ha forma di v maiuscola: maglione con scollatura a v | v come venezia , nella scansione delle parole lettera per lettera, spec. al telefono | viene usata in sigle (p. e. vf , vigili del fuoco; vv. uu. , vigili urbani) e abbreviazioni (p. e. v. , per nomi propri di persona come vincenzo , vittorio , valeria ; b. v. , beata vergine; s.v. , signoria vostra; v.e. , vostra eccellenza; p. v. , prossimo venturo; v. , in bibliografia, vedi, vedasi, per indicare un rinvio; s.v. , in opere lessicografiche, sub voce , sotto la voce, per rinviare appunto a una particolare trattazione; v. , in testi di grammatica, verbo) | v , nella numerazione romana, cinque; nell'uso corrente, quinto | v , (chim.) simbolo del vanadio | v , (mat.) simbolo del volume | v , (fis.) simbolo di volt e della differenza di potenziale | v , (fis.) simbolo della velocità.

va e vieni

loc. sost. m. invar.  (1) viavai, andirivieni: un va e vieni di gente  (2) tipo di teleferica in cui il veicolo è attaccato a una fune che scorre alternatamente in un senso e in quello opposto. 

leggi

va'

meno com. vah, inter. esprime meraviglia, stupore: va', che bello!.  

leggi

vacabile

agg. (non com.) che può rendersi vacante; che si prevede sarà prima o poi vacante. 

leggi

vacante

part. pres. di vacare agg. non occupato; si dice di impiego, ufficio, beneficio privo di titolare: cattedra vacante | sede vacante , si dice del periodo che intercorre tra la morte di un papa o di un vescovo e l'elezione del successore. 

leggi

vacanza

s.f.  (1) l'essere vacante; la condizione di un ufficio privo del titolare: la vacanza di una cattedra  (2) sospensione temporanea dell'attività negli uffici, nelle scuole, nelle assemblee per ragioni di riposo o per celebrare una ricorrenza; periodo di riposo dalle proprie ordinarie occupazioni: domani è vacanza ; essere , andare in vacanza ; aver bisogno di una vacanza ; prendersi un po' di vacanza ; una settimana , un giorno di vacanza | mezza vacanza , limitata a mezza giornata |...

leggi

vacanziere

s.m.  (1) (scherz.) chi ha la frenesia di andare in vacanza; chi fa spesso vacanza (2) nel linguaggio giornalistico, chi si reca in vacanza, in villeggiatura (spec. con riferimento alle cosiddette vacanze di massa). 

leggi

vacanziero

agg. che va in vacanza: folla vacanziera | proprio delle vacanze; che riflette l'euforia, la spensieratezza delle vacanze: vita vacanziera ; clima vacanziero.  

leggi

vacare

v. intr. [io vaco , tu vachi ecc. ; aus. essere nei sign. (1) e 2, avere nei sign. (2) e 4] (3) (non com.) essere vuoto, essere libero (detto di carica, di dignità, di cattedra mancante del titolare e sim.): vacava il papato ; il luogo mio che vaca / ne la presenza del figliuol di dio (dante par. xxvii, 23-24) (4) (ant.) mancare, finire (5) (ant.) riposarsi, cessare di lavorare (6) (ant.) attendere a qualcosa; adoperarsi: per che giusta cosa e molto onesta...

leggi

vacatio legis

loc. sost. f. invar. (dir.) vacazione della legge. 

leggi

vacazione

s.f.  (1) vacazione della legge , (dir.) periodo, generalmente di 15 giorni, che intercorre tra la pubblicazione di una legge e la sua entrata in vigore (2) (dir.) periodo durante il quale un perito presta la sua attività a favore e su richiesta dell'autorità giudiziaria, fissato normalmente in due ore e utilizzato un tempo come normale unità di misura per il calcolo dei suoi compensi | il compenso corrisposto per tale periodo (3) (ant.) l'essere vacante; vacanza. 

leggi

Sitemap