vagabondo

agg. che va errando qua e là, che si sposta continuamente (anche fig.): un cane vagabondo ; gente vagabonda ; nuvole vagabonde ; pensieri vagabondi | vita vagabonda , quella di chi vive alla giornata, dove e come capita; per estens., quella di chi viaggia molto s.m. [f. -a]

1.  chi non ha una dimora fissa ed erra senza meta vivendo di espedienti | chi fa vita scioperata, chi non ha voglia di lavorare. pegg. vagabondaccio

2.  (estens.) chi si sposta di frequente, chi viaggia continuamente (spesso scherz.).

vagabondare

v. intr. [io vagabóndo ecc. ; aus. avere] (1) fare il vagabondo, vivere da vagabondo (2) (estens.) vagare, aggirarsi, oppure viaggiare da un luogo all'altro senza un itinerario prefissato, spec. per svago e divertimento: vagabondare tra i campi ; vagabondare qua e là per l'italia | (fig.) passare da un argomento all'altro, da un'idea all'altra, senza seguire un filo prestabilito: vagabondare con la fantasia.  

leggi

vagabondaggine

s.f. l'essere vagabondo; stato di chi abitualmente fa vita vagabonda. 

leggi

vagabondaggio

s.m.  (1) il vagabondare, il fare vita da vagabondo: darsi al vagabondaggio | la presenza di vagabondi in una comunità, considerata come una piaga sociale: combattere il vagabondaggio  (2) (estens.) il vagare, il viaggiare da un luogo a un altro senza un programma preordinato (anche fig.): dopo un lungo vagabondaggio per l'europa, si stabilì a roma ; vagabondaggio poetico , letterario.  

leggi

Sitemap