vagheggiare

v. tr. [io vaghéggio ecc.]

1.  contemplare con compiacenza, con amore, con desiderio: vagheggiare il volto della donna amata

2.  (fig.) immaginare qualcosa che si desidera intensamente; sognare: vagheggiare la patria lontana , la vittoria.

idillismo

s.m. (lett.) atteggiamento di chi è portato a vagheggiare la vita agreste, evadendo dalla realtà. 

leggi

vagheggiato

part. pass. di vagheggiare agg. che è oggetto di vagheggiamento; desiderato, sognato: raggiungere un successo a lungo vagheggiato ; lodata passa e vagheggiata armida / fra le cupide turbe (tasso g. l. iv, 33). 

leggi

idoleggiare

v. tr. [io idoléggio ecc.] (lett.) (1) vagheggiare nella fantasia qualcuno o qualcosa facendone quasi un idolo (2) rappresentare con simboli e immagini un concetto astratto | v. intr. [aus. avere] (ant.) venerare idoli. 

leggi

vagheggiamento

s.m. il vagheggiare, l'essere vagheggiato (anche fig.): il vagheggiamento di un amore , di una speranza.  

leggi

vagheggiatore

s.m. [f. -trice] (lett.) chi vagheggia | corteggiatore: de' vagheggiatori ella s'invola / a le lodi (tasso g. l. ii, 14). 

leggi

vagheggino

s.m. uomo vacuo e leggero, che fa il galante e corteggia ogni donna | (estens.) corteggiatore: le ronzano già intorno parecchi vagheggini.  

leggi

Sitemap