vantare

v. tr.

1.  lodare, esaltare qualcuno o qualcosa per proprio compiacimento o per suscitare in altri ammirazione e interesse: vantare i propri meriti ; vantare la qualità di un prodotto

2.  dichiarare di possedere, o possedere realmente, qualcosa che costituisce un pregio, un motivo di orgoglio e di fierezza: vantare nobili origini , amicizie influenti ; la città vanta splendidi monumenti

3.  avanzare fondata pretesa di qualcosa: vantare un credito | vantarsi v. rifl. o intr. pron.

4.  compiacersi di meriti, capacità proprie; andare fiero, orgoglioso; gloriarsi: è uno sciocco che non fa che vantarsi ; si vanta di saper fare tutto ; una città che si vanta di avere dato i natali a uomini illustri | non faccio per vantarmi , frase usata, spesso con finta modestia, per introdurre la narrazione di qualcosa che torna a onore e merito di chi parla

5.  nel linguaggio dell'antica cavalleria, fare il vanto.

vendifumo

s.m. e f. invar. chi è solito vantare capacità e meriti che non possiede; chi fa promesse vane. 

leggi

millantare

v. tr. vantare cose o qualità che non si possiedono: millantare protezioni altolocate ; millantare nobili origini | millantarsi v. rifl. vantarsi esageratamente. 

leggi

discendenza

s.f.  (1) relazione tra un individuo e i suoi antenati: vantare una discendenza illustre  (2) l'insieme dei discendenti: una numerosissima discendenza.  

leggi

vantaggiare

v. tr. [io vantàggio ecc.] (1) (non com.) avvantaggiare (2) (tosc.) superare, sopravanzare | vantaggiare qualcuno , fargli risparmiare denaro, fargli spendere meno | vantaggiarsi v. rifl. (non com.) avvantaggiarsi. 

leggi

vantaggiato

part. pass. di vantaggiare agg. (tosc.) abbondante: un abito vantaggiato , largo, comodo. 

leggi

vantaggio

s.m.  (1) qualità o fatto che pone qualcuno in posizione di superiorità materiale o morale o in condizione favorevole rispetto a un altro o ad altri; giovamento, privilegio: il vantaggio dell'esperienza ; conoscere le lingue è un gran vantaggio ; i vantaggi dell'età | di vantaggio , (tosc.) di più (2) utilità, frutto, profitto: un impiego che offre molti vantaggi ; non c'è alcun vantaggio nell'agire così ; trarre vantaggio da ogni situazione ; essere , andare , venire a...

leggi

vantaggioso

agg. che arreca vantaggio; favorevole, conveniente: un affare vantaggioso ; offerta vantaggiosa ; comperare a condizioni vantaggiose § vantaggiosamente avv.  

leggi

vantamento

s.m. (non com.) il vantare, il vantarsi. 

leggi

vantatore

s.m. [f. -trice] (non com.) chi vanta o si vanta. 

leggi

vantazione

s.f. (rar.) il vantarsi; vanto. 

leggi

vanteria

s.f. il vantarsi di meriti e qualità inesistenti, il magnificare le proprie azioni. 

leggi

vanto

s.m.  (1) il vantarsi: essere motivo di vanto ; menar vanto delle proprie ricchezze  (2) atto o qualità che costituisce motivo di orgoglio o di gloria: ha il vanto di essere stato il primo a raggiungere un tale risultato ; una ditta che ha il vanto dell'onestà ; ti do , ti concedo , ti riconosco questo vanto | bel vanto! , (iron.) con riferimento a un'azione niente affatto meritoria | aver vanto su qualcuno , su qualcosa , (lett.) riuscire superiore, vincerlo: su la fiumana ove 'l mar...

leggi

Sitemap