variabile

agg. che varia, che può variare; mutevole, instabile: prezzo variabile ; una persona di umore variabile , incostante; il barometro segna (tempo) variabile , segna tempo incerto | parti variabili del discorso , (gramm.) quelle che variano nella forma o nella desinenza a seconda della funzione logica o sintattica che assolvono nella frase (p. e. il nome, l'aggettivo, il verbo ecc.); si contrappongono alle parti invariabili | grandezze variabili , (mat.) quelle che possono assumere valori diversi; si contrappongono alle grandezze costanti s. f. (mat.) grandezza che può assumere tutti i valori appartenenti a un determinato insieme: variabile dipendente , indipendente , a seconda che i valori a essa assegnati siano o non siano funzioni di altri valori | in logica matematica, ogni simbolo che non abbia un preciso referente, ma che stia per un qualsiasi elemento di un insieme specificabile | variabile casuale o aleatoria , (stat.) variabile appartenente all'insieme dei possibili risultati di un esperimento casuale (può essere discreta o continua) | variabile autogena , esogena , nei modelli econometrici, le variabili determinate come soluzioni del modello o indipendenti da questo § variabilmente avv.

codominio

s.m. (mat.) l'insieme dei valori assunti da una funzione al variare dei valori della variabile indipendente; coinsieme. 

leggi

cantaro

s.m.  (1) antica misura di peso, variabile da kg 50 a 90 circa (2) (dial.) sorta di grossa stadera. 

leggi

bubbolina

s.f. fungo commestibile con cappello di colore variabile e gambo bianco avvolto alla base da una spessa volva (fam. agaricacee). 

leggi

barile

s.m.  (1) misura di capacità per liquidi, di valore variabile a seconda delle epoche e dei luoghi (2) unità convenzionale di misura del petrolio greggio pari a circa 159 litri. 

leggi

variabilità

s.f.  (1) l'essere variabile: variabilità del tempo , dell'umore ; variabilità di una grandezza  (2) (biol.) caratteristica di tutte le specie viventi dovuta alle numerosissime possibilità di combinazioni genetiche, per cui ogni individuo presenta caratteri suoi propri che lo differenziano dagli altri della stessa specie (3) (stat.) attitudine di un fenomeno ad assumere differenti modalità quantitative. 

leggi

Sitemap