x

s.m. o f. ventiquattresima lettera dell'alfabeto, il cui nome è ics ; propria dell'alfabeto greco e latino, è entrata successivamente negli alfabeti di varie lingue moderne; in it. si incontra in grecismi e latinismi non assimilati, in parole straniere o semistraniere, e rappresenta il nesso di occlusiva velare sorda + spirante dentale sorda (xenofobia , xilofono , texano , mixer) | a x , a croce: gambe a x , storte, deformi | x come xeres , nella scansione delle parole lettera per lettera, spec. al telefono | x , nella numerazione romana indica il 10; come ordinale vale `decimo' | x , (biol.) simbolo del cromosoma femminile | x , (mat.) simbolo indicante una variabile (indipendente) o una quantità indeterminata; nelle equazioni indica l'incognita; in un sistema di coordinate cartesiane, l'ascissa | raggi x , (fis.) raggi ro°ntgen | x , nei pronostici del totocalcio, indica pareggio | in funzione di agg. si usa per indicare persona o cosa indeterminata o sconosciuta: fattore x | ora x , l'ora decisiva o molto attesa.

xantelasma

s.m. [pl. - smi] (med.) xantoma della palpebra. 

leggi

xantene

s.f. (chim.) composto organico ossigenato a tre anelli esaatomici e tredici atomi di carbonio, costituente fondamentale di una classe di coloranti detti xantenici.  

leggi

xantenico

agg. [pl. m. -ci] (chim.) si dice di composto derivato dallo xantene: colorante xantenico.  

leggi

xantina

s.f. (chim.) alcaloide naturale con struttura derivante dalla purina, presente nei tessuti vegetali e nei secreti animali. 

leggi

xanto-

primo elemento di parole composte della terminologia scientifica, dal gr. xanthós `giallo' (xantofilla). 

leggi

xantoficee

s.f. pl. (bot.) classe di alghe unicellulari o pluricellulari, che hanno colore verde giallastro per la presenza di xantofilla nel tallo | sing. [-a] ogni alga appartenente a tale classe. 

leggi

xantofilla

s.f. (chim. biol.) pigmento giallo presente nelle foglie insieme alla clorofilla, e che appare con evidenza nelle foglie caduche autunnali. 

leggi

xantogenato

s.m. (chim.) sale o estere dell'acido xantogenico: xantogenato di cellulosa.  

leggi

xantogenico

agg. [pl. m. -ci] (chim.) si dice di un acido derivato dall'acido carbonico per sostituzione di due atomi di ossigeno con zolfo e poi di un atomo di idrogeno con un radicale. 

leggi

xantoma

s.m. [pl. -mi] (med.) piccolo tumore cutaneo di colore giallastro, dovuto ad accumulo di derivati del colesterolo. 

leggi

Sitemap