zigano

o tzigano, s.m. [f. -a]

1.  zingaro, spec. delle regioni danubiane

2.  (estens.) suonatore ambulante di violino agg. che è proprio degli zigani: musica , orchestra zigana ; violino zigano.

zigare

v. intr. [io zigo , tu zighi ecc. ; aus. avere] (non com.) detto del coniglio, emettere il caratteristico verso stridulo. 

leggi

zigena

o zighena, s.f. nome di alcune specie di piccole farfalle diurne comuni sui prati, con ali strette a colori generalmente vivaci (ord. lepidotteri). 

leggi

ziggurat

o ziqqurat, s.m. o f. invar. torre templare tipica dell'antica mesopotamia, costituita da una serie di terrazze sovrapposte di ampiezza decrescente procedendo verso l'alto, sulla cui sommità sorgeva il santuario vero e proprio. 

leggi

zighena

vedi zigena

leggi

zigo-

primo elemento di parole composte della moderna terminologia scientifica, dal gr. zygón 'giogo'; vale 'coppia (simmetrica)' oppure 'accoppiamento, unione, congiunzione' (zigomorfo , zigomicete). 

leggi

zigodattilo

agg. (zool.) si dice del piede di alcuni uccelli quando le dita siano disposte due in avanti e due all'indietro. 

leggi

zigofillacee

s.f. pl. (bot.) famiglia di piante dicotiledoni diffuse nei luoghi salati e aridi della zona tropicale; vi appartiene il guaiaco | sing. [-a] ogni pianta di tale famiglia. 

leggi

zigolo

meno com. zivolo, s.m. nome di alcune specie di piccoli uccelli passeriformi dal becco conico breve e la coda forcuta. 

leggi

zigoma

vedi zigomo

leggi

zigomatico

agg. [pl. m. -ci] dello zigomo, che riguarda lo zigomo: osso , muscolo zigomatico.  

leggi

Sitemap