accio

agg. [pl. f. -ce] (region.) cattivo; solo in usi fam. come rafforzativo di un pegg. in -accio : è un tipaccio accio davvero!.

accia

s.f. [pl. -ce] (1) filo greggio in matassa, spec. di lino o canapa (2) (region.) gugliata. 

leggi

accia

s.f. [pl. -ce] (ant.) ascia. 

leggi

acciabattare

v. intr. [aus. avere] (non com.) camminare con le ciabatte facendone sbattere la suola sul pavimento e contro il calcagno | v. tr. (fig. non com.) eseguire in fretta e male (anche assol.); abborracciare. 

leggi

acciaccamento

s.m. l'acciaccare; ammaccatura. 

leggi

acciaccare

v. tr. [io acciacco , tu acciacchi ecc.] (fam.) (1) sformare una cosa comprimendola; ammaccare, schiacciare: acciaccare un cappello ; acciaccarsi un dito col martello  (2) (fig.) abbattere, infiacchire: la malattia lo lasciò acciaccato.  

leggi

acciaccata

s.f. (fam.) l'acciaccare. 

leggi

acciaccatura

s.f.  (1) (fam.) l'acciaccare, l'essere acciaccato; ammaccatura (2) (mus.) abbellimento musicale consistente nella rapidissima esecuzione di una o più note accessorie a ridosso della nota principale o di un accordo. 

leggi

acciacco

s.m. [pl. -chi] malessere; disturbo fisico per lo più cronico: gli acciacchi della vecchiaia.  

leggi

acciaccoso

agg. (non com.) pieno di acciacchi: un vecchio acciaccoso.  

leggi

acciaiare

v. tr. [io acciàio ecc] ricoprire con ferro una superficie metallica mediante procedimento elettrolitico. 

leggi

Sitemap