accomodamento

s.m.

1.  l'accomodare

2.  accordo a cui giungono due parti in contrasto; conciliazione: arrivare , venire a un accomodamento ; tentare un accomodamento

3.  accomodamento elastico , (mecc.) fenomeno di adattamento di un materiale sottoposto ripetutamente a sollecitazione variabile tra due limiti estremi; assestamento.

accomodabile

agg. che si può accomodare. 

leggi

accomodante

part. pres. di accomodare agg. accondiscendente, conciliante, remissivo: essere , mostrarsi accomodante.  

leggi

accomodare

v. tr. [io accòmodo ecc.] (1) mettere o rimettere in ordine, in buono stato; riparare, aggiustare: accomodare un orologio , un vestito , una strada | ora t'accomodo io! , (iron.) ti punisco, ti do una lezione! (2) disporre in modo adatto, sistemare: accomodare i volumi in uno scaffale  (3) (fig.) appianare, comporre, conciliare: accomodare una controversia , una lite | v. intr. [aus. avere] (non com.) far comodo, riuscire gradito: venite quando vi accomoda | accomodarsi v....

leggi

accomodatura

s.f. l'operazione di accomodare; riparazione. 

leggi

accomodazione

s.f.  (1) (non com.) accomodamento (2) (fisiol.) proprietà dell'occhio di mettere a fuoco oggetti a diverse distanze mediante la contrazione di muscoli specifici, che modificano la curvatura del cristallino. 

leggi

accomodo

agg. (lett.) adatto; ben disposto, ben situato s.m. (lett.) accomodamento; conciliazione. 

leggi

Sitemap