accordare

v. tr.

1.  mettere d'accordo, conciliare: accordare due avversari ; accordare la fede con la ragione

2.  (mus.) portare uno strumento all'intonazione esatta; armonizzarlo con altri: accordare il violino ; accordare il pianoforte con l'orchestra

3.  (estens.) creare un effetto armonico, armonizzare: accordare i colori

4.  concedere: accordare una grazia , un permesso

5.  (gramm.) concordare i vari elementi di una proposizione: accordare il predicato con il soggetto | accordarsi v. rifl. mettersi d'accordo: accordarsi sul prezzo | v. rifl. essere conforme, armonizzarsi: il blu si accorda bene col giallo.

accordabile

agg. che si può accordare § accordabilmente avv. (rar.) compatibilmente. 

leggi

accordato

part. pass. di accordare agg. (mus.) portato alla giusta intonazione; in accordo, in armonia: strumenti perfettamente accordati.  

leggi

la

s.m. nota musicale, sesta della scala maggiore naturale di do | dare il la , dare la nota su cui accordare gli strumenti; (fig.) dare l'avvio a qualcosa. 

leggi

accordamento

s.m. (non com.) accordo. 

leggi

accordanza

s.f. (ant. poet.) accordo, armonia. 

leggi

accordata

s.f. accordatura rapida, fatta alla meglio: dare un'accordata al pianoforte.  

leggi

accordatore

s.m. [f. -trice] chi accorda strumenti musicali, spec. pianoforti. 

leggi

accordatura

s.f. (mus.) operazione consistente nel dare la giusta intonazione alle corde o alle altre parti che producono i suoni negli strumenti, regolandole in base al diapason; in molti strumenti a corda, l'insieme delle note sulle quali vengono intonate le corde. 

leggi

accordellare

v. tr. [io accordèllo ecc.] (non com.) attorcere in forma di corda. 

leggi

accordio

s.m. tipo di organino. 

leggi

accordio

s.m. prolungata e noiosa accordatura di strumenti musicali. 

leggi

Sitemap